in

“Non ce l’ha fatta”. Quattordicenne muore dopo un malore improvviso in campo

Pubblicato il 08/09/2022 09:11

Purtroppo non ce l’ha fatta. La notizia positiva che tutta Italia stava aspettando non è arrivata. Il quattordicenne che aveva accusato un arresto cardiaco mentre si allenava con la squadra di calcio per la quale avrebbe voluto disputare la nuova stagione non ce l’ha fatta. È morto cinque giorni dopo aver lottato con tutto sé stesso per sopravvivere. Il malore era avvenuto venerdì 2 settembre sul campo della squadra bresciana della Polisportiva Verolavecchia, in provincia di Brescia. Il 14enne era al suo primo allenamento prova dopo che anni fa aveva smesso di giocare. (Continua a leggere dopo la foto)

Quest’anno – come si legge sul Corriere – voleva riprendere, ma dopo pochi minuti in campo ha accusato il malore. I primi ad intervenire erano stati gli allenatori del ragazzino poi portato in ospedale dove è morto. Proprio venerdì aveva festeggiato il suo quattordicesimo compleanno. (Continua a leggere dopo la foto)

La famiglia dell’adolescente, che era stato ricoverato all’ospedale Civile in gravissime condizioni, ha deciso per l’espianto degli organi: un gesto di generosità che salverà la vita ad altre persone che necessitano di un trapianto. Purtroppo continua così la tragica striscia di questi ultimi mesi: una strage di giovani che sembra non avere fine. Una strage da “malori improvvisi”.

Ti potrebbe interessare anche: Consuelo Locati: Covid, solo ItalExit per vera commissione d’inchiesta. Sfido Speranza a un confronto pubblico

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“O il freddo o gli usurai”. La disperazione delle famiglie italiane, abbandonate dallo Stato

“Stanno distruggendo piccole imprese e famiglie”. Paragone a valanga contro i partiti e il caro-energia