Vai al contenuto

“Pronti a vaccinare entrando casa per casa”: il piano del generale Figliuolo per il Natale

Pubblicato il 16/12/2021 11:35

Un Natale all’insegna del vaccino, unico dono che il governo consentirà agli italiani di portare sotto l’albero. Con tanto di toni tra l’inquietante e il minaccioso già adottati dai nostri governanti, pronti a tutto pur di stroncare le resistenze di chi ancora rifiuta di sottoporsi alla somministrazione. In un clima sempre più oppressivo, non c’è dunque da stupirsi nel leggere le ultime dichiarazioni del super commissiario all’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo. Che ha promesso un nuovo slancio in avanti nella campagna vaccinale.

Dopo aver incassato dal governo la proroga dello stato di emergenza, decisa dal Consiglio dei ministri e che gli darà ancora la possibilità di emanare ordinanze, Figliuolo ha infatti annunciato alle pagine della Stampa: “Con i team sanitari mobili porteremo le vaccinazioni nelle zone remote del Paese, casa per casa, in favore di persone anziane e fragili che hanno difficoltà ad accedere alla vaccinazione”.

Il vaccino dunque, ha assicurato Figliuolo, arriverà “casa per casa”: “Noi siamo pronti a vaccinare tutta la platea” ha promesso il generale, fissando in 500 mila al giorno (un po’ meno nel weekend) il target delle dosi da somministrare da qui al 26 dicembre. Per quanto riguarda l’inoculazione ai bambini, il commissario ha invece spiegato: “Dopo l’approvazione dell’Aifa, la struttura che dirigo ha programmato la distribuzione a dicembre di 1,5 milioni di dosi pediatriche di vaccino Pfizer. Si tratta della prima tranche per iniziare subito a vaccinare, che verrà poi integrata da gennaio in avanti”.

“Per tutte le classi di età contiamo di mantenere la media di 500 mila somministrazioni nei feriali e di 300-350 mila nei festivi, da qui fino al 26 del mese – ha concluso Figliuolo – Gli approvvigionamenti e le riserve disponibili costituiscono il potenziale per vaccinare tutti coloro che si presenteranno, nel rispetto delle tempistiche tra una dose e la successiva”.

Ti potrebbe interessare anche: Vaccinato con doppia dose, muore di Covid il professor Reitani, ex assessore a Udine