in , ,

Paragone: “Stop bollette per i negozi chiusi causa Covid. La mia proposta al governo”

Il leader di ItalExit, il senatore Gianluigi Paragone ha presentato due importanti emendamenti al Decreto Aprile. Il primo chiede l’abrogazione dell’obbligo vaccinale per i sanitari. Il secondo chiede il reintegro dei costi fissi di bollette energia e gas per seconde case e aziende che abbiano ridotto i propri consumi per misure anti Covid. Perché sulle bollette luce e gas sono stati registrati costi fissi fino al 62% anche in assenza di consumi. E su questo fronte sono già state raccolte oltre 40mila firme alla petizione #staccalabolletta (firma qui). Su proposta di Consumerismo No Profit, è stato dunque presentato al Senato questo importante emendamento al Decreto Aprile per consentire la riduzione o la sospensione dei costi fissi che gravano sulle bollette di luce e gas di utenti e negozianti anche in assenza di consumi. A presentare l’emendamento il Sen. Gianluigi Paragone (Gruppo Misto) che ha accolto la petizione #STACCALABOLLETTA lanciata dall’associazione dei consumatori Consumerismo No profit, e che ha raccolto ad oggi oltre 40mila firme in tutta Italia. (Continua a leggere dopo la foto)

Come spiega il comunicato, “l’emendamento ha lo scopo di consentire la riduzione, fino all’azzeramento nei casi più estremi, dei costi fissi delle utenze di elettricità e gas dei clienti domestici, per le utenze diverse dalla prima abitazione, e clienti non domestici dei settori del commercio e della piccola impresa a livello nazionale, che abbiano registrato una sensibile diminuzione dei consumi nel periodo 1 marzo-31 dicembre 2020 rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente, a causa della sospensione o riduzione dell’attività lavorativa per le misure di contenimento anti Covid introdotte dal Governo – spiega Consumerismo – Per il reintegro dei costi affrontati dalle società di distribuzione, l’emendamento prevede che ARERA istituisca una specifica componente tariffaria e la ponga a carico delle società di trasmissione e trasporto nazionali di elettricità e gas che potranno compensarle mediante corrispondente riduzione degli utili annuali”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Vediamo quali scuse accamperanno per non abbassare le vergognose bollette che gli italiani continuano a pagare nonostante i limiti che hanno impedito di usufruire delle seconde case e le restrizioni imposte a negozi e attività commerciali”, commenta il Sen. Gianluigi Paragone. “Sulla spesa annua per la fornitura di energia, le voci ‘trasporto e gestione del contatore’, oneri di sistema e imposte pesano per il 52,3% sulle bollette dell’elettricità e per il 61,8% su quelle del gas – afferma Luigi Gabriele, presidente di Consumerismo – Voci che si pagano anche in assenza di consumi, a seguito dell’entrata in vigore della riforma delle tariffe elettriche del 2018 che, di fatto, premia chi più consuma. Grazie a questo emendamento sarà possibile ridurre la spesa energetica di famiglie che non hanno potuto recarsi nelle seconde case e degli esercenti costretti a chiudere le attività a causa del Covid, ma su cui incombono costi fissi in bolletta anche in caso di assenza di consumi. Ci appelliamo a tutti i senatori affinché sostengano questo emendamento trasversale che non comporta oneri per lo Stato, e rappresenta una misura di buon senso”. (Continua a leggere dopo la foto)

Per aderire alla petizione #staccalabolletta è sufficiente seguire le indicazioni a questa pagina. Consumerismo No Profit – associazione.consumerismo.it – Per info e contatti: Luigi Gabriele +39 351 533 8305

Ti potrebbe interessare anche: Assembramento al bar, i carabinieri multano i poliziotti: siamo alla follia!

Le Primule di Arcuri? Una sola donazione da 50 euro: Figliuolo la restituisce

Paragone: “No obbligo vaccinale per i sanitari. Ecco la mia proposta”