in

Novara, camion forza blocco durante una manifestazione per il lavoro, sindacalista investito e ucciso

Tragedia durante una manifestazione di lavoratori della logistica, un settore che vive da tempo di fortissime tensioni a causa delle condizioni di lavoro spesso ai limiti dell’inumano che i dipendenti sono costretti ad affrontare. Adil Belakhdim, il coordinatore dei Si Cobas di Novara, è infatti morto in un incidente durante le proteste, investito da un camion di fronte ai cancelli della Lidl di Briandrate, nel Novarese.

Il giovane, cittadino italiano di 37 anni con origini marocchine, è stato investito in via Guido il Grande, proprio durante una manifestazione di lavoratori della logistica. L’autista che lo ha centrato, una volta accortosi di quanto accaduto, si è dato alla fuga ma non è riuscito a far perdere le proprie tracce, bloccato in autostrada dai carabinieri. Sul posto è intervenuto anche il 118, ma per l’uomo non c’è stato nulla da fare.

Secondo una prima ricostruzione il sindacalista stava presidiando insieme a una ventina di manifestanti i cancelli dove era stato organizzato il presidio di protesta, quando all’improvviso è stato travolto da un camion che lo ha trascinato per diversi metri, prima di lasciarlo sull’asfalto. Repubblica ha raccolto la testimonianza di alcuni presenti: “Quel camion lo ha trascinato per una ventina di metri, il conducente non può non essersene accorto”.

Stando alle prime ricostruzioni, all’origine della tragedia ci sarebbe stato un diverbio tra il conducente del camion e i lavoratori che protestavano davanti al cancello, bloccando il passaggio. I lavoratori presenti hanno parlato “di una discussione perché il camionista voleva entrare a tutti i costi”. Adil Belakhdim era rappresentante dei Si Cobas e padre di due figli. Sul posto è accorso il fratello. La Cgil ha successivamente dichiarato lo sciopero e i lavoratori hanno bloccato tutte le uscite del magazzino.

Ti potrebbe interessare anche: Al degrado della Loggia dei Mercanti, l’assessore del Corno risponde con la “mediazione culturale”

Tanta gente davanti alla Rai per dire “No” al bavaglio televisivo

L’ex direttore Aifa: “Mix di vaccini? Non ci sono abbastanza dati per autorizzarlo”