in

Mamma di 49enne muore poco dopo il vaccino: lascia una figlia di soli 14 anni

Pubblicato il 15/10/2021 10:54

Una mamma di 49 anni muore 11 giorni dopo aver fatto il vaccino anti-Covid. Nadia Positello, 49enne di Crespignaga di Maser, dove gestiva assieme alla sorella Lidia la gelateria Canova, ha avvertito prima un forte dolore allo stomaco, poi la difficoltà a respirare. È subito corsa in ospedale, ma è morta poco dopo a causa di un “improvviso malore”. E del boom di “malori improvvisi” in seguito al vaccino in questo 2021 abbiamo parlato anche noi in un recente articolo. Questo, dunque, è l’ennesimo caso. Quella di Nadia è una morte improvvisa che ieri mattina ha destato nel paese un forte turbamento. (Continua a leggere dopo la foto)

Secondo quanto ricostruito dal Gazzettino, la donna aveva accompagnato, assieme al marito, la figlia adolescente a scuola a Montebelluna, poi ha sentito il respiro sempre più affannato e le forze venire meno. In pochi minuti la situazione è precipitata. Medico e infermieri dell’ospedale montebellunese hanno cercato di fare il possibile per salvarle la vita ma il suo cuore si era ormai fermato. Inutile ogni tentativo di rianimazione. (Continua a leggere dopo la foto)

Sarà ora l’autopsia che sarà disposta dall’Uls su richiesta della famiglia, a chiarire le cause della morte di Nadia Positello, 49enne titolare della gelateria Canova di Crespignaga di Maser. A fine settembre la donna si era sottoposta alla prima dose del vaccino anti-Covid e da quel giorno aveva avvertito un senso di forte malessere che consistevano soprattutto in problemi a livello respiratorio. Oltre al marito, Denis Polloni, Nadia lascia una figlia di appena 14 anni e la sorella Lidia, con cui gestiva la gelateria di Crespignaga. (Continua a leggere dopo la foto)

Ad aprile la donna aveva perso il padre, Lino, mancato a 77 anni. L’uomo, sofferente di problemi cardiaci, era stato sottoposto ad una delicata operazione ma durante la riabilitazione svolta a Motta di Livenza era stato contagiato dal Covid. Il virus non gli ha lasciato scampo.

Ti potrebbe interessare anche: “Stop al monopolio di Big Pharma”. L’Ue dice No all’appello lanciato da Oxfam

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

40 mila agenti senza Green pass: le forze dell’ordine dicono “no” ai ricatti del governo

Cartelle esattoriali, il governo blocca la sospensione: riparte la riscossione a pieno regime