in ,

“Li ha accoltellati davanti a tutti”. Terrore nella centralissima stazione: cosa è successo

Pubblicato il 11/01/2023 10:00

Paura e terrore a Parigi. Di nuovo. Sei persone, tra cui un agente di polizia, sono stata accoltellate da un uomo alla Gare du Nord a Parigi, una delle principali stazioni francesi. Lo riferisce Le Figaro spiegando che le forze dell’ordine hanno sparato all’aggressore che è stato neutralizzato. Su Twitter il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin, ha parlato di “reazione efficace e coraggiosa” della polizia. Sarebbe stato un punteruolo l’arma utilizzata questa mattina alle 6:45 alla Gare du Nord di Parigi da un uomo che ha ferito in modo lieve 6 persone. E’ quanto si apprende da fonti della polizia. Il primo a reagire all’attacco è stato un poliziotto non in servizio, che ha ferito l’assalitore prima di essere raggiunto da alcuni colleghi in divisa. (Continua a leggere dopo la foto)

L’individuo è stato trasportato in ospedale e si troverebbe in prognosi riservata per un proiettile che l’ha raggiunto al torace. Si ignorano i motivi del gesto, che ha provocato un’ondata di panico fra i passeggeri dei treni e della RER, la metropolitana regionale, molto affollata di mattina alla stazione della Gare du Nord, dove arrivano tutti i pendolari che abitano nella banlieue nord. La RER B, in particolare, collega a Parigi sia l’aeroporto Charles de Gaulle (a nord) sia quello di Orly (a sud). (Continua a leggere dopo la foto)

Fra i sei feriti, secondo quanto si apprende, c’è un poliziotto delle dogane, presente alla stazione perché dalla Gare du Nord partono anche i treni Eurostar per Londra. Sul posto si sono già recati il ministro dell’Interno, Gérald Darmanin, che si è complimentato con le forze dell’ordine per la “reazione efficace e coraggiosa”, il prefetto di Parigi, Laurent Nuñez, e la sindaca Anne Hidalgo.

Ti potrebbe interessare anche: “La Bce deve cancellarlo”. Paragone tuona contro l’Europa e indica la strada per uscire dalla crisi (VIDEO)

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“La verità”. Ucraina, la lettera di 10 storici ex corrispondenti contro la narrazione della guerra sui media italiani

“Sui vaccini a mRna continuano a mentirci”. L’immunologo smonta un’altra balla: finalmente, la verità