in

La lotta al contante del governo rischia di trasfomarsi in un mega-flop da 47 miliardi

Pubblicato il 17/10/2020 12:45

Siamo davvero sicuri che il cosiddetto Piano Cashless, l’ennesimo bonus pensato dal governo per venire incontro alle famiglie in un momento così delicato, sia una buona idea? O rischia piuttosto di trasformarsi nell’ennesimo meccanismo poco utile, se non addirittura pericoloso? Di dubbi, francamente, ce ne sono tanti. Per questo nuovo strumento i giallorossi hanno messo in conto una spesa di 4,7 miliardi di euro per il biennio 2021-2022, con l’obiettivo di recuperare nel giro di un paio d’anni il doppio di evasione, circa 8-9 miliardi, dal reddito autonomo e dal lavoro dipendente.

La lotta al contante del governo rischia di trasfomarsi in un mega-flop da 47 miliardi

Un obiettivo ambizioso, come sottolinea l’economista Alessandro Penati sulle pagine di Domani. Perché la Relazione sull’evasione allegata al Def indica in 30 miliardi l’evasione a questa voce nel 2018, più o meno lo stesso ammontare degli ultimi cinque anni. Sempre nel 2018, il totale recuperato era stato di 3,3 miliardi, quasi esclusivamente derivanti dal maggior gettito Iva grazie a fattura elettronica, reverse change e via dicendo. Un sistema, come per tutti i bonus messi in campo fin qui, molto difficile da controllare e che non sembra in grado di raggiungere il suo scopo: spingere chi normalmente ricorrerebbe al contante a pagare con carta.

La lotta al contante del governo rischia di trasfomarsi in un mega-flop da 47 miliardi

Una delle critiche maggiori alla quale il piano si presta è l’associare automaticamente l’uso del contante con l’evasione. Dimenticando che le banconote sono usate principalmente per comodità e convenienza, soprattutto da chi non ha troppa dimestichezza con altri sistemi. E che al momento manca ancora una struttura che permetta la stessa rapidità del contante con i pagamenti digitali. “Così il piano diventa anche un sussidio alle banche e al nuovo gruppo Nexi/Sia, nel quale lo Stato avrà una partecipazione rilevante”.

La lotta al contante del governo rischia di trasfomarsi in un mega-flop da 47 miliardi

Quello che il governo sta mettendo in piedi, dunque, è un piano che rischia seriamente di non funzionare, mancando strutture in grado di supportarlo. E di rivelarsi, più che inutile, dannoso. Provocando un enorme spreco di risorse che potrebbero essere investite molto più facilmente. Qualcuno, però, dovrebbe riuscire a farlo capire in fretta a Conte & co.

Ti potrebbe interessare anche: Di Maio (ancora) contro Casaleggio: nel M5S si litiga ormai soprattutto per i soldi

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Di Maio (ancora) contro Casaleggio: nel M5S si litiga ormai soprattutto per i soldi

Riunioni fiume e decisioni in piena notte: il caos senza fine del governo Conte