Vai al contenuto

Il 23% degli italiani voterebbe un partito No Green Pass guidato da Paragone. Il sondaggio che spaventa i partiti

Pubblicato il 25/01/2022 15:56

In queste settimane di proteste che hanno visto tante categorie (in ultimo i tabaccai, pronti allo sciopero) manifestare la propria insoddisfazione contro le nuove norme adottate dal governo Draghi, gli esponenti dell’esecutivo si sono nascosti con insistenza dietro una frase, ripetuta a pappagallo: “Gli italiani sono dalla nostra parte”. Sostenendo, insomma, che a fronte di qualche insoddisfatto, la maggior parte degli abitanti dello Stivale percepirebbe come giuste scelte quali l’introduzione del Super Green pass, ormai obbligatorio per avere accesso a una vita normale. Ma le cose stanno davvero così? A guardare i sondaggi, in realtà, la verità sembra un’altra.

Come rivelato da una ricerca fatta dall’Istituto Piepoli sui possibili scenari politici, infatti, la fetta di popolazione contraria alle scelte dell’esecutivo sembra infatti decisamente più consistente di quanto certa stampa vorrebbe far credere. Il sondaggio è stato svolto su un campione di oltre 500 intervistati, uomini e donne con più di 18 anni, ai quali è stato chiesto: “Se il senatore Gianluigi Paragone, leader di Italexit, si mettesse alla guida di un partito No Green pass, sareste disposti a votarlo?”. I risultati sono stati decisamente sorprendenti.

L’ipotesi di un partito No Green pass, schierato dalla parte dei cittadini e contro le discriminazioni tra vaccinati e non attuate dal governo Draghi, sembra infatti piacere, e parecchio. Nello specifico, il 23% degli intervistati si è detto propenso a votare un’eventuale formazione nata con l’obiettivo di mandare in pensione il certificato virtuale, come d’altronde molti paesi d’Europa (in primis il Regno Unito di Boris Johnson) stanno già facendo.

Un totale che è la somma di un 11% di intervistati che ha risposto “Certamente sì” alla possibilità di votare un partito No Green pass e un 12% che ha scelto l’opzione “Probabilmente sì”. Un altro 11% ha invece risposto “Probabilmente no”, lasciando però intendere un certo margine di dubbio. Tra i favorevoli, come evidente nella tabella riportata poco sopra, il 25% è formato da elettori del Movimento Cinque Stelle, il 30% da sostenitori di partiti del centrodestra e il 10% dell’area di centrosinistra. Guardando alla divisione per età, a sostenere una formazione contraria al certificato verde sarebbero soprattutto i giovani tra i 25 e i 34 anni (il 32% del totale).

Ti potrebbe interessare anche: Il Super Green pass resiste solo in Italia: così gli altri Stati stanno tornando alla normalità