in

Vaccinati con doppia dose e positivi, ma per il Green pass è tutto ok. La falla choc nel sistema

In un servizio andato in onda su Videolina, e ripreso da un’utente di Facebook, Barbara Martinelli, si racconta la vicenda di un ragazzo vaccinato con doppia dose che è di nuovo positivo al Covid e che rappresenta un caso simbolo per spiegare le varie falle (e follie) del Green Pass. Lui è vaccinato e infetto, ma per il sistema Green Pass va tutto bene. “Ecco i miei due certificati verdi”, dice il ragazzo mostrando alle telecamere lo schermo del suo smartphone. “Uno è quello relativo alla prima dose, l’altro è quello rilasciato dopo la seconda dose”. E fin qui va tutto bene. Poi il ragazzo fa la prova di controllo… (Continua a leggere dopo la foto)

“Scansioniamo il Qr code e come vedete, nonostante io sia attualmente positivo, mi dice che è tutto ok”. Quindi, potenzialmente, per il sistema Green Pass questo ragazzo ora potrebbe entrare in qualsiasi ristorante, prendere un aereo e fare tutte quelle cose vietate ai positivi. E questa è solo una delle falle. Si segnalano anche quelle di chi non ha ancora ricevuto i codici o di chi li ha ricevuti ma sbagliati. Certo è che quella dei vaccinati positivi che per il Green pass sono in realtà a posto è la più eclatante e pericolosa. (Continua a leggere dopo la foto)

Il vecchio Qr code, dunque, resta comunque valido e attivo, anche sull’app Io, e di conseguenza chiunque abbia ricevuto la doppia dose, ma che si reinfetta in un momento successivo, potrebbe comunque fare tutto tranquillamente perché ai controlli il Green pass risulterebbe in regola e non segnalerebbe nessuna anomalia. (Continua a leggere dopo il video)

Il servizio di Videolina raccoglie le testimonianze di altri cittadini vaccinati positivi e tutti hanno confermato che anche a loro il Green pass risulta comunque valido. I giornalisti hanno provato a fare a loro volta le segnalazioni ma il tentativo è andato a vuoto dopo ore di attesa al telefono e nessuna risposta. Questo è il sistema su cui si sta reggendo tutta Italia in questo momento. E il governo vuole anche estenderlo a tutti. Bell’affare.

Ti potrebbe interessare anche: Aifa, raddoppiati in 4 settimane i decessi riconosciuti come collegati al vaccino

“No all’obbligo vaccinale”. La durissima lettera del sindacato di Polizia a Draghi

A Milano IoApro sta con Paragone: il presidente del movimento in lista con lui