in

Gli aumenti sono causati dalla speculazione. Draghi lo sa bene e non interviene perché è complice!

Pubblicato il 05/04/2022 16:29 - Aggiornato il 07/12/2022 17:58

“Nessuno spiega la vera causa degli aumenti delle bollette energetiche e dei prezzi della benzina. Tutti tacciono perché la risposta mostra impietosamente, una volta di più, il fallimento delle politiche liberiste e l’inutilità dell’Unione Europea” spiega Gianluigi Paragone, leader di Italexit.

“Inutile incolpare la guerra in Ucraina, i prezzi stavano aumentando anche prima dell’inizio del conflitto. E non per un rincaro nei prezzi delle materie prime: il prezzo di gas e petrolio non è affatto aumentato. La verità è che gli italiani sono costretti a pagare le scommesse degli speculatori, che hanno causato l’aumento dei costi finanziari legati all’energia con le loro scommesse sui mercati. Mercati lasciati volutamente senza regole, come una specie di moderno Far West. Il risultato è che gas e petrolio costano sempre uguale, ma cittadini e imprese sono schiacciati da aumenti insostenibili che creano danni gravissimi all’economia. Intanto i grandi azionisti delle compagnie energetiche vedono aumentare i loro guadagni a spese dei cittadini. Solo l’intervento dello Stato può fermare questo meccanismo, sia aumentando le tasse sulle speculazioni finanziarie, sia imponendo un tetto ai prezzi dell’energia. Ma Draghi tace, l’Europa non c’è e Francia e Germania curano solo i propri interessi come sempre”.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Vergogna! Il mobbing agli insegnanti è inaccettabile e senza senso. Deve finire subito!

“In Italia c’è uno Stato di Polizia. Solidarietà a Paragone, quello che è successo oggi è preoccupante”