x

x

Vai al contenuto

Ferragni, anche le “Uova di Pasqua” nella bufera. Cosa nasconde l’altra iniziativa di “beneficenza”

Pubblicato il 19/12/2023 10:05 - Aggiornato il 19/12/2023 11:33
Chiara Ferragni uova di Pasqua

A Natale il pandoro Balocco, a Pasqua le Uova dei “bambini delle Fate”. Il tratto in comune? Chiara Ferragni e una beneficenza che risulta sempre meno credibile. Dopo l’affaire-Balocco, l’influencer finisce nel mirino dell’Antitrust anche per le Uova di Pasqua (fintamente) benefiche. L’operazione commerciale, infatti, sembra seguire lo stesso schema, almeno stando a quanto denuncia sul Fatto Quotidiano del 19 dicembre Selvaggia Lucarelli. “Nel febbraio 2021 e nel febbraio 2022 – scrive la giornalista – Chiara Ferragni presentale sue uova di Pasqua in collaborazione con Dolci Preziosi. Sulla pagina del suo sito BlondeSalad si legge: ‘Le uova di Pasqua Chiara Ferragni x Dolci Preziosi sosterranno il progetto benefico ‘I Bambini delle Fate’, l’associazione fondata da Franco Antonello, papà di Andrea, il ragazzo con autismo spesso in tv”. L’uovo nel 2021 e nel 2022 sarà sold out in tutti i supermercati. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Bollette gas più care per ripagare gli errori del governo Draghi: la notizia che spaventa le famiglie
>>> Tornano i tamponi Covid. Chi e quando si è obbligati a farli: la circolare del ministero che rievoca Speranza

Puntualizza Lucarelli: “Forse anche grazie al solito equivoco”. Quello che si è visto nel caso Balocco? Scrive la giornalista: “C’erano infatti post di Ferragni come: ‘Ci tengo molto a questo progetto perché sostiene ‘I bambini delle fate” o ‘Anche quest’anno Chiara Ferragni e Dolci Preziosi sostengono I Bambini delle Fate con delle nuove uova’. Noto anche che nei post c’è il solito hashtag #adv. Lo schema sembra identico a quello dei pandori per cui è stata multata: lei si fa pagare come testimonial, dalla sua comunicazione si deduce che la beneficenza sia legata alla vendita dei dolci, le testate e i consumatori capiscono questo, nessuno chiede rettifica e il gioco è fatto”. Lucarelli sente Franco Cannillo, l’imprenditore che ha acquisito Dolci Preziosi, che le spiega: “Assolutamente non c’è stata correlazione tra le vendite delle uova e la donazione a ‘I Bambini delle Fate’. Ferragni è stata pagata per aver ceduto la sua immagine. Noi abbiamo fatto una donazione. Quanto è stata pagata? A memoria 500.000 euro nel 2021 e 700.000 circa nel secondo anno, poi ha chiesto una cifra esorbitante e non abbiamo più chiuso il contratto”. (Continua a leggere dopo la foto)

Franco Antonello de ‘I bambini delle Fate’ rivela a Lucarelli che da Dolci Preziosi sono arrivati “un anno 12.000 euro e l’altro 24.000 euro. […] Mi stupisce che abbiano dato 700.000 euro per il testimonial e 12.000 euro per il sociale, è una vergogna”. Poi, in finale di articolo, Lucarelli precisa: “Mentre scrivo, e dopo aver telefonato a Dolci Preziosi e a ‘I bambini della Fate’, Chiara Ferragni sta stranamente cancellando dai suoi social numerosi post con le uova pasquali sia nel 2021 che nel 2022”.

Ti potrebbe interessare anche: “Però la sua famiglia…”. Vespa smaschera la radical chic: imbarazzo in diretta (VIDEO)