in

«È inutile». Maria Rita Gismondo sgancia la “bomba” in diretta nazionale

Finalmente è successo. Quasi emozionante sentire pronunciare quelle parole in prima serata su una rete nazionale. Grazie a Maria Rita Gismondo abbiamo, di certo, vissuto uno dei momenti più alti della televisione italiana. La famosa virologa, spesso tra le più lucide “virostar” televisive, ha detto esattamente ciò che molti pensano da lungo tempo.
(Continua a leggere dopo la foto)

La clamorosa “bomba” della virologa

«Adesso il vaccino è inutile». Maria Rita Gismondo sgancia la bomba in diretta, durante la puntata di “Fuori dal Coro” in onda ieri, martedì 10 maggio su Rete4. La direttrice del reparto di Microbiologia dell’ospedale Sacco di Milano ha smontato con una manciata di parole l’intera narrazione pseudoscientifica che, ancora oggi, ci racconta dell’efficacia comprovata dei vaccini. «Il vaccino oggi sarebbe sprecato – ha detto la Gismondo – Abbiamo affrontato due anni di pandemia con due virus diversi. Un conto era il virus del 2020, un conto quelli che stanno circolando ora. Adesso questo vaccino è sostanzialmente inutile. Quindi perché rischiare gli effetti collaterali?». Benedizione, come darle torto…
(Continua a leggere dopo la foto)

Anche le mascherine nel mirino

Ma non è finita qui. La Gismondo, infatti, ha poi parlato delle mascherine sui bambini, soffermandosi su un aspetto psicologico di non poco conto: «E’ un elemento negativo a quell’età, perché sono costretti a considerare gli altri bambini come qualcuno di cui avere paura». Certamente uno dei molteplici motivi per fermare questo scempio perpetrato sulla pelle dei più piccoli e indifesi.

Potrebbe interessarti anche: Lo Stato sequestra i beni agli oligarchi russi. Ma a pagare il conto sono… gli italiani. Ecco perché

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Lo Stato sequestra i beni agli oligarchi russi. Ma a pagare il conto sono… gli italiani. Ecco perché

“Mascherine fino al 15 giugno”. Speranza persevera e chiarisce dove devono essere usate obbligatoriamente