in

Coprifuoco, divieti e terza dose anticipata: arriva la stretta del governo per il Capodanno

Prima è stata la volta del Super Green pass, entrato in vigore per piegare le ultime resistenze degli italiani e costringerli a vaccinarsi. Poi del passaggio di alcune Regioni in giallo, con il rischio arancione dietro l’angolo. Ora, con l’avanzare della variante Omicron, il governo italiano si prepara a un nuovo giro di strette, consapevole del fatto che il nuovo ceppo del virus potrebbe essere già ampiamente diffuso in Italia. Senza escludere altre soluzioni drastiche, che potremmo veder applicate già a partire dalle prossime settimane.

Come rivelato da Il Tempo, a preoccupare è soprattutto l’appuntamento con il Capodanno. La decisione definitiva di Mario Draghi arriverà soltanto nelle prossime ore, ma sembra probabile “che la dose di richiamo del vaccino anti-Covid possa essere anticipata a quattro mesi per ridurre la mancata protezione”. Di pari passo, potrebbe essere ridotta la durata della certificazione virtuale, al momento valida per un totale di 9 mesi: scontato il passaggio a 6, non è da escludere addirittura a 5.

Non bastasse, il governo sembra determinato a portare avanti la sua guerra personale contro i non vaccinati. Poco importa, agli occhi di Draghi & co., se l’esplosione dei contagi si è verificata ovunque, anche nei Paesi dove i tassi di somministrazione sono altissimi. Chi ancora non ha completato il ciclo delle tre dosi va considerato come un vero e proprio nemico, con tanto di nuova arma già pronta per combatterlo: il coprifuoco, che potrebbe scattare, appunto, soltanto per chi non ha il vaccino.

Una misura, quella del coprifuoco solo per una parte della popolazione, alla quale potrebbe accompagnarsi anche l’estensione dell’obbligo vaccinale per tutte le categorie di lavoratori. Alcune potrebbero subire la nuova stretta già prima della fine dell’anno. Possibile anche, infine, il divieto di feste in piazza per la notte del 31 dicembre. Sul prolungamento delle vacanze scolastiche, invece, si deciderà soltanto quando i dati saranno più definiti.

Ti potrebbe interessare anche: Vaccinato con doppia dose, muore di Covid il professor Reitani, ex assessore a Udine

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

I virologi cantano “Sì sì vax”, Ultimo li massacra. Il durissimo attacco

“Così media e scienza sono al servizio di Big Pharma e politica”. L’attacco del prof Agnoletto