Vai al contenuto

“Già comprati i vaccini”. L’Europa si prepara alla prossima pandemia: “Firmati i contratti”. Qual è il nuovo allarme

Pubblicato il 22/03/2023 10:02
Commissione europea aviaria vaccini

“La Commissione europea ha firmato contratti di riserva per l’acquisto di questi vaccini in caso di pandemia: uno con la società Gsk e l’altro con Seqirus Uk”. Non fanno in tempo a finire gli scandali sui vaccini anti Covid che l’Ue si prepara a viverne altri. Altro giro, altra corsa. Altra pandemia, altri vaccini. E così ecco che ora scoppia l’allarme aviaria. “Stiamo seguendo da vicino la questione dell’influenza aviaria” e “al momento ci sono due vaccini autorizzati nell’Ue” per uso animale, ma eventualmente adattabili anche per l’uomo. Ma sì, che ci frega. Purché siano vaccini da iniettare forzosamente tutto va bene. Anche se sono per animali. Ormai tanto l’abbiamo capito, la scienza è un’opinione. “La Commissione ha firmato due contratti congiunti di fornitura per acquistare questi vaccini in caso di pandemia“, ha ribadito Stefan De Keersmaecker, portavoce della Commissione europea in materia di salute. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Solo bugie! Ecco le prove”. Giordano show: mostra i documenti segreti e inguaia Aifa e governo (VIDEO)

“In caso di influenza pandemica dichiarata da parte dell’Oms, le aziende dovrebbero aggiornare i loro vaccini per contrastare il ceppo virale alla base dell’eventuale pandemia”, ha aggiunto il portavoce della Commissione europea senza specificare gli eventuali rischi per l’uomo. Ma questo è un dettaglio di poco conto, lo abbiamo visto con il Covid, i cui vaccini stanno ancora mietendo vittime con i loro effetti avversi a lungo termine e con una “inspiegabile” scia di malori e morti improvvise da un anno e mezzo a questa parte. Intanto, riporta l’agenzia Reuters, alcuni dei principali produttori mondiali di vaccini antinfluenzali hanno garantito di essere pronti a fabbricare in pochi mesi centinaia di milioni di vaccini per l’influenza aviaria per gli esseri umani se un nuovo ceppo influenzale dovesse mai adattarsi all’uomo. Anche su questo non avevamo dubbi: il business Covid ha fatto scuola. (Continua a leggere dopo la foto)

Tra le aziende produttrici c’è di nuovo Moderna

Intanto di questo allarme aviaria si sa solo che la patologia sta uccidendo i leoni marini in Perù, con minacce nel settore degli allevamenti di pollame in diverse zone del pianeta. Elementi che hanno ovviamente portato la Commissione europea come prima cosa a chiudere due contratti per garantire agli Stati membri la fornitura di vaccini “qualora la situazione dovesse degenerare”. Siamo certi che sono già pronti i nuovi piani per la vaccinazione di massa con annessi lockdown, Green pass e mascherine. Tra le aziende produttrici di vaccini, oltre a Gsk e Seqirus, spicca anche Moderna. Di nuovo Moderna. Scalda i motori, però, anche Sanofi.

Ti potrebbe interessare anche: “Ecco cosa rischiano le banche italiane”. La trappola Bce pronta ad asfaltare l’Italia