in

Cambia il coprifuoco e 7 regioni in zona bianca: cosa sì può fare e dove

Da oggi in tutta Italia il coprifuoco scatterà a mezzanotte, mentre in sette Regioni si passerà alla zona bianca. Dunque, rimangono vietati gli spostamenti, “se non per comprovate necessità” legate a motivo di lavoro, salute ed urgenze, dalle 24 alle 5 del mattino. Ricordiamo invece che il coprifuoco verrà abbandonato a partire dal 21 giugno.

Salvo situazioni impreviste, alla fine del mese l’intera penisola dovrebbe diventare zona bianca: saranno comunque mantenute le regole sulla mascherina, sul distanziamento e sul divieto degli assembramenti. (Continua dopo la foto)

Con l’ultima ordinanza, dunque, altre 4 regioni entrano in zona bianca. Dopo Sardegna, Friuli-Venezia Giulia e Molise, si aggiungono Liguria, Veneto, Umbria e Abruzzo. Previsto invece l’ingresso in zona bianca il 14 giugno per Lombardia, Lazio, Piemonte, Puglia, Emilia Romagna e Provincia di Trento. Il 21 giugno toccherà a Sicilia, Marche, Toscana, Calabria, Campania, e Provincia di Bolzano. Il 28 giugno sarà il turno della Valle d’Aosta, ultima regione d’Italia ad abbandonare i divieti.

Anche per la zona bianca sono previste delle regole, ma quali? Consentite visite a parenti e amici, ma l’ordinanza del ministro Speranza specifica che il numero non può superare le 6 persone, oltre ai figli minori.

Resta comunque il distanziamento di un metro tra i tavoli, mentre all’interno dei locali non è possibile consentire le sedute a più di sei persone allo stesso tavolo. Se si tratta invece di due nuclei familiari è consentito stare allo stesso tavolo anche in numero superiore al 6. (Continua dopo la foto)

Le feste rimangono ancora vietate, mentre sono consentite le cerimonie e i banchetti, dunque via libera a matrimoni, comunioni e cresime. Con la nota, però, (non affatto di poco conto aggiungeremmo noi) di mostrare il Green Pass. Ricordiamo inoltre che è stato stabilito di mantenere il distanziamento di due metri durante il ballo.

In zona bianca è prevista la riapertura di piscine al coperto. Per le zone gialle si dovrà aspettare l’1 luglio. Nelle 7 Regioni bianche è prevista la ripartenza per per parchi a tema, parchi divertimento e acquatici, nelle zone gialle la ripartenza è fissata per il 15 giugno. Con l’ingresso in zona bianca, via libera anche per sale giochi e scommesse, si dovrà aspettare l’1 luglio, invece, per le zone gialle.

Saman aveva scoperto tutto. La verità nelle chat

Hanno vinto i Benetton: perché l’accordo Stato-Atlantia è un pessimo affare