in ,

“Boom di decessi di neonati”. La Bbc lancia l’allarme: cosa rivelano gli ultimi dati

“Occorre indagare su un picco nel numero di decessi di neonati in Scozia”. La Bbc lancia un sonoro allarme alla luce dei preoccupanti dati dell’ultimo periodo. Prima l’aumento delle malattie cardiache, poi quello della mortalità non da Covid e ora quella dei neonati. Sono tutte coincidenze? E il vaccino torna sul banco degli imputati come uno dei principali sospettati per questo infanticidio. Scrive la Bbc: “Almeno 21 bambini di età inferiore alle quattro settimane sono morti a settembre, un tasso di 4,9 per 1.000 nascite. I tassi di mortalità infantile variano ampiamente da un mese all’altro, ma l’aumento è maggiore del previsto per il solo caso”. (Continua a leggere dopo la foto)

Il Public Health Scotland (PHS) e altre agenzie esamineranno ora se la pandemia di Covid o altri fattori potrebbero essere alla base dell’aumento. Il tasso medio di mortalità tra i neonati è di poco superiore a due ogni 1.000 nascite. “Mentre tutte le morti infantili sono sotto indagine, il quotidiano Herald ha riferito che questa inchiesta più ampia è stata avviata quando il tasso di mortalità ha superato una soglia di ‘controllo’, progettata per rilevare tendenze anomale nelle morti infantili”. (Continua a leggere dopo la foto)

In un commento alle cifre, PHS afferma: “Il superamento del limite di controllo superiore indica che esiste una maggiore probabilità che ci siano fattori oltre la variazione casuale che potrebbero aver contribuito al numero di decessi”. Il PHS ha affermato che “al momento non vi è alcuna indicazione di collegamenti tra questi decessi e l’infezione da Covid-19”, sebbene i dati saranno esaminati ulteriormente. La dottoressa Sarah Stock, esperta in salute materna e fetale presso l’Università di Edimburgo, ha affermato che è raro che i neonati vengano infettati o gravemente malati di Covid, ma ha affermato che il virus potrebbe avere un impatto in altri modi. (Continua a leggere dopo la foto)

“Sappiamo, ad esempio, che quando le donne incinte hanno il Covid possono ammalarsi gravemente e, per proteggere la madre e il bambino, ciò può portare a parti prematuri”, ha affermato. “Il parto prematuro è il principale fattore di mortalità neonatale. “Sappiamo anche che la pandemia ha messo molta pressione sui servizi sanitari e che potrebbe avere un impatto”. PHS sta ora lavorando con lo Scottish National Neonatal Network, la Maternity and Children Quality Improvement Collaborative e il governo scozzese per comprendere i possibili fattori che contribuiscono. (Continua a leggere dopo la foto)

Conclude la Bbc: “Anche le cifre relative al numero di bambini nati morti sono aumentate a settembre, ma non oltre il limite superiore di avvertenza o controllo. I decessi di neonati sono diminuiti costantemente negli ultimi decenni con il tasso di mortalità per 1.000 nascite che è passato da due cifre negli anni ’70 a 2,1 nel 2020”.

Ti potrebbe interessare anche: “Super green pass? Palese incostituzionalità, è gravissimo”: ecco come Cacciari boccia la nuova stretta punto per punto

“Vaccino ai guariti non serve a niente”: Giorlandino non ha dubbi e spiega perché

Sette deputati vaccinati e greenpassati positivi al Covid. Ma pensa un po’!