in

Arriva “Lega Italia”. La clamorosa indiscrezione del quotidiano sulla “fusione tra Fi e Lega”

Un piano clamoroso e riservato. Secondo l’indiscrezione riferita da Affari italiani Lega e Forza Italia starebbero strutturando l’ipotesi di fusione. Si tratterebbe di “una vera e propria ipotesi di lavoro più che di una suggestione” è riportato tra le righe del quotidiano di cui stanno iniziando a parlare “esponenti di spicco dei due partiti del Centrodestra. Ovviamente progetto che andrà sviluppato e verificato nei dettagli. 

Si starebbe pensando di concretizzare dapprima con una federazione e poi con una fusione tra Forza Italia di Salvini Berlusconi e Lega di Matteo Salvini. La nascitura formazione, che potrebbe chiamarsi Lega Italia, sarà una “forza politica conservatrice, moderata, liberale, federalista e di ispirazione cattolica”.

L’obiettivo sarebbe quello delle elezioni politiche del 2023 considerando che “molto probabilmente il governo Draghi arriverà fino al termine della legislatura, magari con un prolungamento di un anno per Sergio Mattarella al Quirinale in modo tale da consentire poi all’ex presidente della Bce, una volta fatta uscire l’Italia dall’emergenza sanitaria ed economica, di diventare Capo dello Stato”.

Lega Italia non si contrapporrebbe a Fratelli di Italia cappeggiato dall Meloni, ma rappresenterebbe un’allenaza elettorale e politica. Inoltre non viene esclusa la possibilità che anche altre formazioni minori del Centrodestra possano trovare spazio. 

D’altronde, come sottolinea Affari italiani, “il Carroccio ha ormai abbandonato il verbo sovranista (inteso come totale contrapposizione a Bruxelles) e l’idea di uscire dall’euro”; mentre Berlusconi “ha capito che la strada del ritorno al sistema proporzionale è ormai chiusa e quindi, con il bipolarismo, l’ipotesi di un grande centro magari con Matteo Renzi è tramontata…Salvini potrebbe essere il segretario e potenzialmente il candidato premier mentre per Berlusconi il ruolo sarebbe quello di presidente, padre nobile e consigliere politico”.

L’ex sottosegretario Antonio Catricalà trovato morto a Roma

I ministri del governo Draghi? Piacciono soltanto a 3 italiani su 10