in

“Alla Camera dei Deputati il ristorante è aperto anche la sera!” La denuncia del Codacons

Come al solito le scelte illogiche e insensate della politica corrono il rischio di mettere i lavoratori gli uni contro gli altri ed è esattamente quello che bisogna evitare di fare. C’è un posto, unico su territorio nazionale, davvero speciale. Mentre tutti i ristoranti, pub, bar, gelaterie, locali del settore della ristorazione, devono chiudere categoricamente alle 18, il ristorante della Camera e del Senato può rimanere aperto anche la sera. Un privilegio di lusso che ha deciso di concedersi il mondo della politica. “A partire da martedì 27 ottobre, dal lunedì al giovedì, il locale di ristoro può ospitare 40 deputati a sera”, riferisce Adnkronos.

Così se da un lato troviamo loro, con il ristorante del ‘Palazzo’ aperto, che va spudoratamente e brutalmente contro le regole che hanno imposto a tutta l’Italia, dall’altra tutti i professionisti, costretti a rinunciare al lavoro e a rimanere a casa, protestano e apparecchiano le tavole per terra nelle piazze di Italia.

La notizia della riapertura del ristorante alla Camera e al Senato ovviamente suscita una bufera di indignazione e reazioni contrarie. Carlo Rienzi, presidente del Codacons, commenta così all’Adnkronos: “La riapertura del ristorante alla Camera? È un fatto grave: li denunceremo alla magistratura per abuso di atti d’ufficio, perché si sono qualificati ancora una volta come cittadini diversi da tutti gli altri italiani, che invece sono costretti a mangiare a casa la sera”. 

“La Camera evidentemente -ironizza Rienzi- si considera un alberghetto di buona categoria, perché è l’unica che può tenere un ristorante aperto mentre i ristoranti di tutto il resto d’Italia sono costretti a chiudere. A questo punto troveremo tutti una scusa per andarli a trovare, e poter usufruire anche noi del loro servizio”.

Questo è l’ennesimo schiaffo che Conte e la sua corte hanno tirato ai lavoratori italiani.

Nel governo nessuno paga gli errori e la rabbia sociale dilaga nel Paese

L’Europa vuole imporre il lockdown a tutti. Ecco il piano di Bruxelles