in

40 mila agenti senza Green pass: le forze dell’ordine dicono “no” ai ricatti del governo

Mario Draghi tira dritto. Ignorando le proteste dei cittadini, con manifestazioni che stanno prendendo il via in tutta Italia, da Nord a Sud, contro quel vigliacco ricatto che porta il nome di Green pass. Questioni che al premier, evidentemente, non interessano più di tanto, vista la determinazione con cui in queste ore ha ribadito la linea: “Il certificato verde è l’unico modo per permettere all’Italia di ripartire in sicurezza”. E pazienza se una bella fetta del Paese, nel frattempo, ha invece deciso di alzare la voce.

40 mila agenti senza Green pass: così le forze dell'ordine dicono "no" ai ricatti del governo

Da ogni parte d’Italia arrivano le testimonianze delle “proteste pacifiche” dei ristoratori. Che non chiedono il pass ai clienti, ignorando le disposizioni del governo, né si fanno mostrare una carta d’identità come controverifica. Ma a preoccupare Draghi dovrebbe essere anche un altro dettaglio, non certo irrilevante: la netta presa di posizione di molti agenti delle forze dell’ordine che hnno detto “no”, in maniera ferma, all’obbligo di vaccinarsi per ottenere la certificazione virtuale. E non parliamo di una sparuta minoranza, ma di un numero imponente, impossibile da ignorare.

Tra polizia, carabinieri e finanza sono infatti almeno 40 mila i tutori della legge che non si sono sottoposti a somministrazione dei farmaci anti-Covid. A rilevarlo è stato Paolo Russo sulle pagine della Stampa, spiegando come “l’ultimo rilevamento preciso risale a metà settembre, ma calcolando un aumento di circa il 10% dei vaccinati a partire da quella data, senza antidoto sarebbero ancora circa 20 mila carabinieri su 81 mila”. E se gli uomini dell’Arma restano i più restii alla vaccinazione, le cose non vanno molto meglio anche negli altri corpi.

I poliziotti che non hanno ancora iniziato il ciclo sono infatti 14 mila su 98 mila. Tra i finanzieri, in 5 mila continuano a non vaccinarsi, su un totale di 58 mila divise grigie. Numeri che non possono essere sminuiti con tanta facilità. E così, ecco che sulle testate mainstream, quelle allineate al governo Draghi e alle sue direttive, del caso si cerca di parlare il meno possibile. Anzi. Le indicazioni sono chiare: basta risonanza sui media per no vax e no pass. E sottostimare a ogni costo il numero di manifestanti che stanno scendendo in piazza in tutto il Paese.

Ti potrebbe interessare anche: Propaganda Live, bufera su Makkox per un tweet volgare e sessista

Il Pd grida contro i fascisti, ma la giunta di Zingaretti li finanzia: lo scoop di Affari

Mamma di 49enne muore poco dopo il vaccino: lascia una figlia di soli 14 anni