in

Da Amazon a Google passando per Apple, i giganti del web pagano in Italia solo 64 milioni di tasse

I colossi della tecnologia mondiale presidiano l’Italia ma continuano a pagarci pochissime tasse. Da Amazon a Google passando per Apple, il fatturato di queste aziende nel Bel Paese è di poco più di 2,4 miliardi, stando almeno ai dati indicati. Come spiega Il Sole 24 Ore, si tratta dello 0,3% del fatturato complessivo del settore così detto Web Soft, composto dalle aziende di Internet e di Software. In totale, la somma versata al fisco italiano è stata di 64 milioni, comunque in aumento rispetto ai 59 dell’anno precedente.

I giganti del web pagano in Italia solo 64 milioni di tasse

I giganti dell’hi-tech hanno inoltre pagato sanzioni per 39 milioni di euro totali. I dati arrivano da un’indagine condotta dall’Area Studi di Mediobanca che ha messo sotto la lente le prime 25 società al mondo del settore, delle quali 14 con sede operativa negli Usa, 7 in Cina, 2 in Giappone e solamente 2 in Europa, entrambi in Germania. I gruppi tecnologici si muovono nel nostro territorio tramite controllate, ubicate per la quasi totalità nelle province di Milano e Monza-Brianza, e danno lavoro a oltre 9.800 lavoratori (pari allo 0,5% del totale nel mondo). Rispetto al 2017 il settore ha impiegato 1.770 dipendenti in più, in massima parte assunti dalle società del gruppo Amazon che vanta il maggior numero di occupati in Italia (4.608).

Il fatturato complessivo dei 25 giganti del settore Web Soft ha toccato gli 850 miliardi di euro a livello globale, in rialzo del 24,5% sul 2017. Su base quinquennale, dal 2014, la crescita è stata pari al 109,7%. Un trend che ha dell’eccezionale, considerando come nel frattempo le delle multinazionali manifatturiere abbiano registrato un incremento solo del 13% dal 2014 al 2018. Le aziende cinesi sono quelle che hanno corso di più con ricavi in aumento quinquennale del +294%, mentre quelle americane sono cresciute del +91%.

I primi tre gruppi al mondo sono però americani e a fine 2018 per fatturato erano Amazon, Alphabet, la holding che detiene Google, e Microsoft. Nel 2018 i colossi del WebSoft hanno prodotto utili per 110 miliardi, l’11,7% del totale delle multinazionali mondiali. Ciascun gruppo in media ha realizzati 15 milioni di utili al giorno, in aumento rispetto al 2014 quando producevano 7 milioni al giorno. Un settore, quello WebSoft, molto concentrato, tanto che nel 2018 i primi tre giganti Amazon, Alphabet, la holding che controlla Google, e Microsoft rappresentavano circa la metà dei ricavi aggregati dell’intero settore, pari a 850 miliardi di euro.

Ti potrebbe interessare anche: https://www.ilparagone.it/banche-mercati/banche-tedesche-aiutino-del-governo-per-deutsche-bank-e-commerzbank/

Amazon, altri guai: a Parigi arriva la “tassa sulle consegne a domicilio”. Cosa comporta

Cosa si nasconde dietro il crollo dei bitcoin? Il perché di quel tonfo che spiazzò i mercati