in ,

Un’altra stangata per bar e negozi: più di un milione di registratori di cassa da cambiare

La cara vecchia cassa dei bar e dei negozi… Ricordi lontani. Ora tutto cambia, e anche alla svelta. E con la “scusa” della lotta all’evasione arriva un’altra stangata per gli esercenti. Vista la difficoltà con cui si cercano le coperture per la manovra 2020, il tesoretto degli scontrini diventa un obiettivo irrinunciabile. Circa 1,2 miliardi di gettito sottratto all’evasione fiscale, già messi a bilancio per il 2020 dal decreto collegato alla manovra dello scorso anno (il Dl 119/2018). Per arrivare a questa cifra, però, bisogna perfezionare un percorso tutt’altro che agevole in vista del prossimo 1° gennaio. Data in cui almeno un milione e mezzo di esercenti dovranno acquistare nuovi registratori di cassa (a spese loro) per l’invio telematico al Fisco di scontrini e ricevute fiscali.

Gli ultimi dati – scrive Il Sole 24 Ore – dicono che i modelli di registratore di cassa telematico approvati dal Fisco sono 132 (di cui 75 adattati, 51 nativi e 6 server). Alla stessa data, gli apparecchi censiti erano 670mila e gli esercenti già accreditati 345mila. Anche se è probabile che sia cresciuto nelle ultime settimane, questo dato dimostra che c’è ancora tanta strada da fare. In effetti, secondo la relazione tecnica al decreto fiscale 2018 gli esercenti che emettono scontrini sono quasi 1,2 milioni e hanno 1,6 milioni di misuratori fiscali, per lo più da adeguare (97%) o da cambiare (il restante 3%).

Si legge nell’articolo del Sole: “Mentre sono 600mila i soggetti che operano solo tramite ricevute fiscali e devono procurarsi un registratore di cassa telematico. Anche escludendo gli esercenti con un volume d’affari oltre i 400mila euro annui – per i quali l’obbligo di invio è scattato lo scorso 1° luglio – la platea degli interessati resta nell’ordine del milione e mezzo. Arriveremo in tempo? I correttivi introdotti con la conversione del decreto crescita (Dl 34/2019) dovrebbero garantire un debutto meno traumatico, con la moratoria sulle sanzioni prevista per i primi sei mesi (a patto che l’Iva venga liquidata e versata correttamente)”.

Continua Il Sole 24 Ore: “Ma resta il fatto che il nuovo obbligo è una sfida – anche tecnologica – di tutto rispetto. A regime si tratta di inviare alle Entrate circa 35 miliardi di documenti all’anno, almeno dieci volte di più dei file trasmessi con la fattura elettronica. L’aspettativa dei tecnici è che la moratoria sulle sanzioni non si rifletta in modo negativo sul recupero di gettito. Tant’è vero che si è scelto di lasciare inalterate le stime iniziali. L’idea, insomma, è che il Fisco possa intercettare una parte dell’enorme tax gap Iva (37,2 miliardi secondo l’ultima rilevazione) grazie alla disponibilità in tempo quasi reale dei dati sulle operazioni”.

.

Ti potrebbe interessare anche: Mes, una vittoria di carta: dietro le esultanze giallorosse, si nascondono le trappole (ancora in piedi) di Bruxelles

Le banche tedesche sono piene di titoli tossici, ma l’Europa finge di non vedere

L’imprenditore che premia i suoi dipendenti per Natale: maxi regalo da 50mila dollari!