in ,

Evasione fiscale, l’Europa dà ancora carta bianca alle multinazionali: rinviata la direttiva

Trasparenza? Sì, ma solo per alcuni. Per i piccoli e medi commercianti o artigiani italiani, ma non per le grandi multinazionali. E poco importa, sempre a Bruxelles, se l’evasione delle multinazionali sottrae ai paesi Ue tra i 50 e i 70 miliardi di euro l’anno di mancate entrate fiscali. Per i cittadini europei avere informazioni chiare e complete su quante tasse pagano i grandi gruppi attivi sul loro territorio resterà un miraggio. L’Ue ha infatti rinviato ancora una volta la direttiva anti-evasione che obbligherebbe le multinazionali a rendere pubblici i propri dati contabili e fiscali, ovvero quante tasse pagano in ogni Paese Ue. A raccontare tutto è Il Fatto Quotidiano, in un articolo in cui viene riportato il bilancio del Consiglio competitività.

“Tristemente, non è possibile raggiungere un approccio generale oggi, ma la presidenza finlandese dell’Ue resta impegnata a lavorare ancora sul dossier”, ha detto il ministro finlandese del Lavoro, Timo Harakka, durante il Transparency International parlando di “oltraggio” da parte degli Stati che per oltre 18 mesi non hanno fatto alcun progresso. “Ovunque in Ue il pubblico è scontento delle multinazionali, come Starbucks e Amazon, che nascondono le tasse che pagano nei Paesi dove operano”, ha commentato Elena Gaita di Transparency. Tra i 28 ministri restano ancora tante le divisioni sul testo discusso.

Tra i favorevoli Francia, Italia, Olanda, Belgio, e Spagna. Contrari alcuni soliti noti che si oppongono a ogni decisione in materia di fisco cioè Irlanda, Malta, Lussemburgo, Cipro, a cui si uniscono stavolta anche Svezia e Austria. La Germania si è astenuta. Il testo della direttiva sul ‘Country by Country reporting‘ – scrive Il Fatto – è stato presentato dalla Commissione nel 2016, insieme al pacchetto di regole più stringenti per contrastare la pianificazione fiscale aggressiva delle multinazionali dopo gli scandali LuxLeaks e Panama Papers.

“Ci rammarichiamo che il Consiglio non abbia potuto raggiungere un compromesso”, ha detto il vicepresidente della Commissione Ue Jyrki Katainen, al termine del Consiglio competitività. “E’ molto importante per il funzionamento del mercato interno, è una questione di equità che le multinazionali paghino le tasse e informino gli altri componenti della società di quanto pagano. Spero si possa andare avanti entro fine anno”, ha aggiunto.

.

Ti potrebbe interessare anche: Perché la Deutsche Bank dice che “Roma ha bisogno del Mes”? Ora è tutto chiaro

Il gioco è la miniera d’oro dello Stato: quando guadagna da Lotto, scommesse e Gratta&Vinci

Autostrade, M5S compatto sulla revoca. Grillo: “È tempo di cambiare”. Di Maio: “Nessun passo indietro”