in

Rc auto, è rivoluzione: tutta la famiglia paga il premio con la classe migliore

È in corso una vera e propria rivoluzione nel mondo dell’Rc auto. Grazie a un emendamento a prima firma Andrea Caso, deputato del Movimento 5 Stelle, si potrà beneficiare della fascia assicurativa più bassa fra tutti i veicoli di proprietà del nucleo familiare, anche per moto e scooter. Dunque, tutta la famiglia paga il premio con la classe migliore. Una bella notizia per tante famiglie. Il codice delle assicurazioni, all’articolo 134, già prevedeva che nelle famiglie si potesse acquisire per la stessa tipologia di veicolo, la classe di merito più favorevole rispetto a quella dell’ultimo attestato di rischio conseguito sul veicolo già assicurato. Ora, però, si fa un passo in più.

La possibilità viene estesa ai casi di rinnovo di contratti già stipulati, purché in assenza di sinistri con responsabilità esclusiva o principale o paritaria negli ultimi 5 anni, in base alle risultanze dell’attestato di rischio. E vale anche per diverse tipologie di veicoli, dunque anche per moto e scooter della famiglia. “Abbiamo dato una boccata di ossigeno alle famiglie italiane. L’emendamento approvato è parte di una proposta di legge incardinata in commissione Finanze ed è un primo passo per un Rc auto più equo”, spiega al sole24ore.com il deputato Caso.

“Avrà un notevole impatto – spiega ancora Caso – sull’economia delle famiglie: stimiamo un risparmio fra il 3o e il 40% sulle polizze Rc auto. Si tratta di una enorme evoluzione che non sarà applicabile solo alle nuove polizze, ma anche a quelle in fase di rinnovo. Un primo passo per abbattere le discriminazioni fra Nord e Sud nell’Rc auto”.

Facciamo qualche esempio. In famiglia c’è un motorino in 14esima classe e un’auto in prima: a partire dal prossimo rinnovo dell’assicurazione anche per il motorino si passerà in prima fascia, con un notevole risparmio sul premio. Anche chi ha avuto solo un motorino e acquista una vettura può usufruire del beneficio.

.

Ti potrebbe interessare anche: Unicredit taglia 8mila posti di lavoro, ma gli azionisti intanto intascano 8 miliardi

Unicredit taglia 8mila posti di lavoro, ma gli azionisti intanto intascano 8 miliardi

Come la sinistra e i “prenditori” padani hanno rubato agli italiani Telecom Italia