in

Covid, l’allarme della psicologa: “La manipolazione mediatica ci spinge verso la depressione”

Una “manipolazione mediatica” evidente, sotto gli occhi di tutti. Con un copione fisso, quello che spinge i media a parlare soltanto di “morti, contagiati, terapie intensive, curve epidemiologiche”. Secondo la psicologa Elisabetta Notaro, terapeuta ufficiale del Centro di Terapia Breve Strategica di Arezzo, ogni giorno assistiamo a “un terrorismo psicologico come non si era mai visto. Il sistema creatosi con il sopraggiungere del virus ci fa mantenere l’allerta alta, ci spiazza giorno dopo giorno. La comunicazione è ossessivamente mirata a mettere solo paura. Induce al senso di impotenza, a creare il vuoto intorno alle persone”. Una gabbia nella quale siamo ormai intrappolati.

Covid, l'allarme della psicologa: "La manipolazione mediatica ci spinge verso la depressione"

Intervistata da Business Insider, Notaro ha sottolineato come in questi mesi non vengano quasi mai dati “consigli positivi su come stare bene o per rafforzare il sistema immunitario. Dinamiche che a lungo termine possono portare a una depressione di massa e di conseguenza all’accettazione acritica di qualunque imposizione o delega sociale verso il potere per la salvaguardia di quella salute mentale e fisica che solo la libertà di scelta e di coscienza potrebbe restituirci. Il sospetto che si tratti di una potentissima arma di distrazione è forte”. Un’arma che può contare su vari tipi di munizione: “Innanzitutto proprio la strategia della distrazione, fondamentale per le lobby al fine di mantenere l’attenzione del pubblico concentrata su certi argomenti. Poi c’è la tattica della gradualità nel fare accettare una misura inaccettabile col contagocce, così da digerirla meglio poco per volta. Ma anche il creare problemi per poi fornire delle soluzioni di comodo, risultando salvatori”.

Covid, l'allarme della psicologa: "La manipolazione mediatica ci spinge verso la depressione"

Proprio i terapeuti sono tra le categorie che più facilmente si accorgono di quanto sta succedendo in questi mesi: “Le richieste sono raddoppiate. Lo dicono anche i colleghi. Negli ultimi mesi ho sentito il bisogno di fare qualcosa di più per aiutare le persone maggiormente colpite dalla crisi economica. Così mi sono affiancata come psicologa alla Confederazione Imprese Unite per l’Italia. Il presidente Stefano Agnesini, ex presidente Giovani di Confcommercio, sta cercando di dar voce e salvare un popolo che altrimenti rimarrebbe inascoltato, circondandosi di coach e altre figure professionali di supporto tra cui la mia. Non è un’associazione a scopo di lucro, piuttosto una sorta di sindacato parallelo per i piccoli e medi imprenditori che stanno soffrendo e agonizzando uno dopo l’altro. Ci sono già più di 30 mila utenti in tutta Italia. Stanno aumentando sempre più”.

Covid, l'allarme della psicologa: "La manipolazione mediatica ci spinge verso la depressione"

C’è almeno qualcosa di positivo, in un momento così drammatico? “ A mio avviso più che altro c’è la legge dell’equilibrio. Tutto l’universo si regge tra gli opposti. Lo sappiamo dalla fisica quantistica. Accanto a tutta questa valle di lacrime, di errori e di bruttezza, che poco per volta diventa manifesta, c’è anche un cambiamento altrettanto positivo: il risveglio della coscienza. Sta crescendo sempre più la consapevolezza di quanto i beni materiali siano effimeri, di quanto la nostra vita fosse dedicata a obiettivi illusori e disfunzionali. C’è la riscoperta delle discipline spirituali e della meditazione, che aiuta a svuotare la mente e ad attingere alle parti più autentiche della nostra psiche. C’è una rinnovata connessione tra gli esseri umani e viventi in generale”.

Ti potrebbe interessare anche: Baci, sesso e bombole del gas. Da Cotticelli a Zuccatelli. Dalla padella alla brace

Superbonus 110 %: il Cappotto Termico

“Mai così pochi casi come quest’anno”, la sorprendente rilevazione di InfluNet