in

“Sanzioni all’Italia”. Ecco come l’Europa è riuscita a ritorcerci contro quelle alla Russia

Pubblicato il 08/04/2022 11:47

Acciaierie, cartiere. 46 grandi industrie rischiano di doversi fermare a causa della situazione internazionale, con il governo Draghi che insiste sulle sazioni alla Russia e invita gli italiani a fare sacrifici. Pochi, forse, se il bel tempo arriverà rispettando le tabelle di marcia e senza troppi scherzi. Tutt’altro scenario, invece, se la primavera e l’estate faranno capolino fuori tempo massimo. A luglio, secondo gli analisti, potrebbero già presentarsi le prime difficoltà, anche perché se è vero che i consumi di gas sono destinati a calare, al contrario quelli sull’elettricità andranno incontro a uno scontato aumento.

Come spiegato da Paolo Baroni sulle pagine della Stampa, il picco massimo di consumi nelle scorse ore ha toccato i 44,8 gigawatt. In media in primavera i consumi viaggeranno attorno ai 50-55 ma in estate, di solito, superano i 60. Da qui il rischio di uno scenario di austerity con pesanti ripercussioni sulle imprese, non solo a causa dei prezzi destinati a crescere.

Il piano di emergenza da gas potrebbe scattare in caso di rinuncia alle importazioni dalla Russia, con misure straordinarie per far fronte a 29 miliardi di metri cubi in meno l’anno. 10-12 miliardi potrebbero arrivare dall’Algeria, dalla Libia e dall’Arzebaigian, altri 5 si potrebbero risparmiare mandando al massimo le centrali a carbone. Ma in casi di seria emergenza resta l’ipotesi che le aziende, soprattutto quelle che consumano di più, possano venire “scollegate” dalla rete elettrica.

europ

Nella lista di chi potrebbe rimanere a secco figurano 46 imprese, tra le quali Acciaierie d’Italia-Ex Ilva, Arvedi, Riva Acciaio, Ferriere Nord. E poi cartiere, aziende tessili, cementifici. Per quanto riguarda le famiglie, una mossa potrebbe essere ridurre, per un periodo limitato, a 3 Kw tutti i contratti che arrivano oggi a 6 Kw.

Ti potrebbe interessare anche: Il giallo delle dosi Novavax sparite nel Lazio, l’assessore: “Non sappiamo dove siano”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Arriva la “patrimoniale di guerra”. La sinistra (al governo con la Lega) prepara il colpo

É una persecuzione. Blitz contro il ristorante No Green Pass. Il proprietario:“Non mi piego”