in ,

“Salviamo il museo del Risorgimento a Roma!”. Partita la petizione: dalla parte dei lavoratori

Pubblicato il 30/11/2020 17:05

Rilanciamo un’iniziativa per salvare il museo del Risorgimento a Roma dentro il Vittoriano. È stata lanciata una petizione online che firmiamo e diffondiamo volentieri: “Purtroppo da mesi, dopo tre anni di commissariamento cessato lo scorso giugno, l’Istituto per la storia del Risorgimento italiano si trova in una situazione di grave stallo amministrativo che si riversa inevitabilmente su tutte le attività. Questo stallo è dovuto alla mancata nomina dei nuovi organi direttivi e statutari da parte del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo”.

“Il personale rimasto nella sede centrale dell’Istituto non percepisce lo stipendio da ben cinque mesi, pur continuando a lavorare; si è interrotta l’attività scientifica ed editoriale; il Museo Centrale del Risorgimento è stato chiuso al pubblico un anno e mezzo fà (ben prima dell’emergenza sanitaria); gli spazi dell’Ala Brasini, che erano una delle eccellenze espositive della Capitale, sono all’abbandono”.

“Le varie altre attività dell’Istituto (dalla didattica con le scuole a quella svolta negli istituti di reclusione, le mostre, e i Congressi internazionali) si sono interrotte. Sono cessati da oltre tre anni i rapporti che intercorrevano con i Comitati territoriali, italiani e stranieri, che formavano il valore aggiunto della “nostra” antica istituzione che si fondava – statutariamente – sull’associazionismo spontaneo sul territorio italiano ed estero che trovava una puntuale rappresentanza all’interno degli organi direttivi”.

“Sfuggono le motivazioni di tale inerzia che stanno portando all’ immobilismo di uno dei più importanti Istituti storici nazionali che ha sede all’interno del Complesso del Vittoriano”. Per firmare la petizione, CLICCA QUI.

Ti potrebbe interessare anche: Mes, ma chi volete prendere ancora in giro? Ecco perché il No di Conte è sempre stato Sì

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

La verità di Munchau: “Ecco il reale contenuto della riforma del Mes contro l’Italia”

Mes, comitati e patrimoniale. Illusioni a danno degli italiani