in

Mes, numeri risicati al Senato? Berlusconi e Forza Italia pronti al soccorso

Pubblicato il 02/10/2020 09:48 - Aggiornato il 03/08/2022 14:17

Con le espulsioni e la fronda interna di Di Battista i numeri della maggioranza che sostiene il governo Conte, sono sempre più risicati. Secondo i conti fatti nei corridoi del Palazzo, la maggioranza avrebbe “solo 2 voti” di margine. Di fronte un eventuale voto parlamentare sul fondo Salva-Stati, per la tenuta del Governo, Conte potrebbe ricorrere ai voti di Berlusconi e Forza Italia.

La maggioranza di Conte è una maglietta davvero ristretta, non la infileresti in nessun modo se non con un intervento salvifico. Silvio Berlusconi si è già pronunciato. È già assodata la necessità di richiedere il Mes per il leader di Forza Italia. Ecco dunque che la strada sarebbe spianata, i Senatori del partito politico potrebbero diventare un punto permanente nella maggioranza. Ma cosa a quel punto ne sarà dei grillini?

GIUSEPPE CONTE LUIGI DI MAIO

Con la consapevolezza che ‘votare “no” porterebbe Forza Italia nel governo’,
nulla esclude che possano rimangiarsi, senza troppi rimorsi, anche un’altra delle loro promesse. Sarebbe l’ennesima di una lunga serie di salti dei grllini da un campo di grano a un altro. Lo sanno bene gli elettori delusi che hanno perso la conta di tutti i cambi di rotta del M5s.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

Alitalia, cassa integrazione prorogata per i 7 mila dipendenti. Ma il futuro resta un rebus

Italia Viva perde i primi pezzi: il deputato Carè molla Renzi per tornare al Pd