in

Mascherine, le regole non sono uguali per tutti. Paragone denuncia: “È successo in aula sotto gli occhi di tutti”

PARAGONE: CINGOLANI A VOLTO SCOPERTO IN PARLAMENTO, NELL’ITALIA FEUDALE DI DRAGHI LE MASCHERINE NON SONO UGUALI PER TUTTI.

“Dopo aver visto il presidente Draghi senza mascherina nella foto con gli alunni della scuola, l’altro giorno in Senato il Ministro Cingolani ha tenuto il suo intervento in aula senza la mascherina. E’ sempre più chiaro che questa delle mascherine è una farsa in piena regola”, denuncia Gianluigi Paragone, leader di Italexit.

“Oggi la senatrice Granato è stata allontanata dall’aula perché non indossava la mascherina, quando ieri in Senato il ministro Cingolani ha potuto tenere il suo intervento senza che nessuno lo fermasse e lo stesso è accaduto al senatore Ferrazzi, a cui è stato permesso di restare in aula senza indossare il bavaglio tanto caro al duo Draghi-Speranza. Io direi che è ora di finirla con questa ipocrisia. Per questo oggi pomeriggio ho deciso di togliere la mascherina in aula. Speravo di non vedere più scene di questo genere e, soprattutto, speravo di non dover più vedere le persone divise fra figli e figliastri. Ma dopo la brutale persecuzione riservata ai non vaccinati, trattati in modo indegno e privati di quasi tutti i loro diritti, non mi stupisco più di niente. Esprimo anche la mia solidarietà al professor Davide Tutino che nella sua scuola sta portando avanti una protesta analoga e spero che non sia il solo caso”.

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Ora Draghi svende anche i capolavori (digitali) dell’Italia: così rischiamo di perdere il nostro patrimonio

“Non c’è obbligo, il fatto è gravissimo”. L’avvocato è senza mascherina, ecco cosa fa il giudice: scoppia il caso