in

L’ultima idea firmata Macron-Merkel? Farci pagare delle tasse europee

500 miliardi di euro sotto forma di bond comuni. L’idea nata sull’asse Germania-Francia è al momento l’unico possibile futuro sul quale ragiona l’Europa non troppo unita, quella che vede i rigoristi del nord, un blocco capeggiato dall’Olanda, continuare a gettare ostacoli lungo il cammino della ripresa comune pur di salvare il proprio export. Le trattative proseguono, serrate. Anche perché la Merkel è seriamente preoccupata da una Germania impossibilitata a contrastare la recessione economica con le esportazioni verso Paesi lontani, ora spaventati come tutti dall’emergenza sanitaria. E quindi, una volta tanto, si trova a recitare il ruolo di “compattatrice”, soffiando forte sul fuoco delle tensioni.

L'ultima idea firmata Macron-Merkel? Farci pagare delle tasse europee

Presa tra due fuochi, con i Paesi mediterranei (Italia in primis) a chiedere di più e i vari Olanda, Austria, Danimarca e Svezia a opporsi alle idee franco-tedesche, la Merkel continua a sforzarsi nella convinzione che prima o poi l’intesa si troverà e accontenterà più o meno tutti, con qualche mediazione. Macron, da par suo, al momento non si sbilancia troppo su questioni non proprio secondarie, come il finanziamento del nuovo, ipotetico debito europeo. Gli indizi, riportati da varie testate sparse per l’Unione, fanno però supporre che tra le idee al vaglio una delle più forti sia quelle di una forma di inedita tassazione europea.

L'ultima idea firmata Macron-Merkel? Farci pagare delle tasse europee

Alla testata Die Zeit il ministro delle Finanze tedesco Olaf Scholz ha richiamato l’esempio di Alexander Hamilton, primo segretario del Tesoro americano che nel 1790 caricò sulla federazione i debiti contratti dagli Stati durante la guerra di indipendenza. “Mise insieme poteri di raccolta delle entrate e di indebitamento del governo centrale”. Dalla Germania parlano di una riunione fiume di nove ore tra lo stesso Scholz e la Merkel, durante la quale il ministro avrebbe ricevuto l’ok per lavorare a un’idea di tassazione europea che serva a finanziare questa sorta di nuovi eurobond. E d’altronde nel documento franco-tedesco di queste ore si parla di un “Emission Trading Scheme”, un’imposta sull’inquinamento, facendo però riferimento anche a prelievi comuni dei profitti sugli investimenti e a una tassa societaria minima europea.

L'ultima idea firmata Macron-Merkel? Farci pagare delle tasse europee

La strada verso la quale Macron e la Merkel si muovono, insomma, è quella di garantire più risorse ai Paesi, Italia compresa, per combattere l’emergenza economica in cambio però a un maggior numero di controlli da parte di Bruxelles sul modo in cui le risorse saranno investite. E con la possibilità di introdurre una nuova forma di tassazione europea, impossibile da far digerire senza troppi malumori a cittadini che già vivono le difficoltà, tantissime, figlie della pandemia. Si continuerà a lavorare su un piano che sta già prendendo forma. E su come indorare il più possibile una pillola dal sapore non proprio dolce.

Ti potrebbe interessare anche: https://www.ilparagone.it/attualita/un-disastro-chiamato-arcuri-mascherine-respiratori-co-cronaca-di-un-fallimento/

Casellati (Forza Italia) contro Di Matteo: “Conflitto grave”. Ma la realtà è un’altra

Flop decreto liquidità! Su 5 miliardi solo 1 erogato alle imprese