Vai al contenuto

“Auto elettriche, sarà obbligatorio.” L’Europa pronta alla nuova imposizione green: “Saranno dovunque”

Pubblicato il 25/07/2023 16:14

L’Unione europea, di fronte a uno scenario internazionale e bellico a dir poco allarmante, alla crisi economica – cui certo non contribuiscono le politiche monetarie e i continui rialzi dei tassi della Bce – e all’emergenza epocale delle migrazioni, non perde di vista il suo obiettivo conclamato: la transizione Green, orientata dal dogma della sostenibilità. E pazienza se, periodicamente, ci troviamo a scrivere di auto elettriche che prendono fuoco (ieri l’ultima vittima). A Bruxelles hanno deciso che la mobilità del futuro dovrà essere elettrica. Ce lo chiede l’Europa. Ecco, dunque, la nuova misura partorita dalle menti più brillanti del Vecchio Continente: a partire dal 2025, gli Stati membri dovranno installare stazioni di ricarica elettrica rapida per auto e furgoni ogni 60 kilometri lungo i principali corridoi di trasporto europei, quelli del cosiddetto Ten-T (Trans-European transport network). La misura è stata approvata in via definitiva dal Consiglio dell’Unione europea sull’Agricoltura tuttora in corso a Bruxelles, nell’ambito del Regolamento per le infrastrutture dei carburanti alternativi e fa parte del pacchetto Fit for 55, che include diverse politiche per contrastare il cambiamento climatico o presunto tale. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Ecco perché Putin non tratterà mai”. Le foto della Russia via satellite rivelano il futuro della guerra

colonnine obbligatorie green ue

Cosa prevede la nuova imposizione Ue

L’Italia, come la Lettonia, si è astenuta, mentre gli unici Paesi a bocciare la proposta sono stati la Polonia e la Romania. Nello specifico, per i veicoli pesanti, le stazioni di ricarica con una potenza minima di 350 kiloWatt dovranno essere installate ogni 60 kilometri lungo la rete Ten-T, come detto; e ogni 100 kilometri, invece, sulla rete stradale più ampia. La copertura completa della rete dovrà essere approntata entro il 2030. I punti devono essere installati in aree di parcheggio sicure per la ricarica notturna e all’interno dei nodi urbani, per poter servire i veicoli adibiti alle consegne. Infine, a partire dal 2030 dovrà essere realizzata un’infrastruttura di rifornimento d’idrogeno al servizio di auto e furgoni in tutti i nodi urbani e ogni 200 kilometri lungo la rete centrale TEN-T. Sono state date anche indicazioni precise per quanto riguarda il pagamento. Ovviamente, i contanti sono banditi, l’obiettivo futuro è di rendere obbligatorio il POS presso le colonnine di ricarica in Ue: dovrà essere possibile per gli automobilisti pagare con carta di credito o dispositivi contactless, senza necessariamente disporre di un abbonamento. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Lo togliamo”. Covid, cade anche l’ultimo divieto (sì, c’era ancora!): ecco cosa cambia

colonnine obbligatorie green ue

“Una legislazione vincolante”

L’eurodeputata Anna Deparnay -Grunenberg, in quota Verdi tedeschi, nel corso di un’intervista a EURACTIV, ha sottolineato: “Abbiamo bisogno di sistemi di pagamento semplici e intuitivi in modo che tutti possano ricaricare e pagare la propria auto elettrica all’angolo di strada più vicino. Sto sostenendo la possibilità di pagamento con carta e vorrei che fosse ancorata in una legislazione vincolante per tutte le stazioni di ricarica, a livello europeo”. La legislazione promuove anche disposizioni per porti e aeroporti, che dovranno fornire elettricità alle navi e ai velivoli in sosta. Le norme cominceranno a entrare in vigore ad agosto per una piena applicazione a partire dal primo gennaio 2025.

Potrebbe interessarti anche: “Il caso Mbappé e i fondi arabi…”. La rivelazione sull’affare che sta scuotendo il mondo del calcio