Vai al contenuto

“Come funzionerà la censura Google” Il gigante Usa si vende per 370mln. Indovinate chi ha “comprato”?

Pubblicato il 05/06/2023 09:35 - Aggiornato il 05/06/2023 22:10
accordo Google Oms informazione

L’avevamo visto durante la pandemia, lo rivedremo oggi e in futuro. Google e l’Oms, l’Organizzazione mondiale della sanità, hanno siglato un nuovo patto. Un patto, nei fatti, per la censura. È Google stessa ad annunciare l’accordo pluriennale con l’Oms. E lo fa usando queste parole: “Aumenteremo il nostro impatto sulla salute per miliardi di persone“. L’accordo prevede di “fornire informazioni sanitarie credibili rispondendo a problemi di salute pubblica emergenti e futuri”. Insomma, mentre già si parla di una nuova pandemia alle porte, vista la fortuna che ha generato per i super ricchi e per Big Pharma, arriva anche questo nuovo annuncio su come verrà gestita l’informazione. Sarà sempre più difficile, se non impossibile, fare controinformazione. E non è un caso che Google abbia donato proprio all’Oms oltre 320 milioni di dollari in pubblicità, la donazione più grande, in assoluto, fornita dall’azienda informatica nella sua storia. Ma non è tutto… (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Lockdown, ecco come censuravano i social”. Lo scoop del Telegraph: “Cosa è successo durante la pandemia”
>>> “Ecco come potrebbero ucciderci tutti”. L’incredibile appello dei creatori dell’intelligenza artificiale

Google, infatti, ha annunciato di avere stanziato altri 50 milioni di dollari per il 2023, sempre “per sostenere l’Oms nel continuare il suo lavoro di grande impatto nella sanità pubblica”. Si continuerà dunque a dare voce solo a quello che si vuole propagandare, come è stato con il vaccino in epoca Covid, e si silenzierà chi prova a raccontare la verità. Non è un caso – come denuncia Patrizia Floder Reitter su LaVerità – che nulla risulti dal motore di ricerca di Google in tema di studi, ad esempio, che rivelino complicanze nelle campagne vaccinali e nell’utilizzo dei farmaci anti Covid a mRna, se non per classificarli come fake news. L’accordo è dunque “promosso” come a favore dell’informazione, ma in realtà è solo un mezzo per procedere con la censura. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Sparò a tre ladri in fuga, condannato a 9 anni di carcere: “Dalla politica tante promesse e nessun aiuto”

Che paura questo nuovo accordo tra Google e Oms

Sostanzialmente, dunque, grazie a questi accordi tra Oms e Google, e grazie al giro di miliardi di dollari che c’è dietro, ogni opinione contraria verrà resa impossibile da leggere. È successo con il vaccino anti Covid, succederà ancora in futuro. L’impatto dell’accordo infatti riguarderà anche Youtube (la più nota piattaforma video è infatti proprietà di Google). “L’obiettivo principale è stato la rimozione di disinformazione dannosa, promuovendo contemporaneamente contenuti da autorità sanitarie credibili”. Credibili vuol dire quelli che danno milioni di dollari per far passare solo le loro informazioni. Prepariamoci a un altro grande e capillare lavoro di controinformazione. Ce ne sarà più che mai bisogno. Del resto lo hanno detto anche loro: la prossima pandemia è alle porte.
>>> Il solito “malore improvviso” a soli 29 anni, si è spenta Simona Amorello

Ti potrebbe interessare anche: “Non è Filippa Lagerback…”. In un colpo solo Giuliano Ferrara stende Elly Schlein e Fazio