Vai al contenuto

“Un virus ancora più mortale”. Finita una pandemia, l’Oms ne prepara subito un’altra: “Cosa sta per succedere”

Pubblicato il 24/05/2023 15:54

Neanche il tempo di dichiare ufficialmente la fine di una pandemia che subito l’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) ne prepara un’altra. Il direttore generale Tedro Adhanom Ghebreyesus ha infatti annunciato la minaccia di un nuovo virus, “con un potenziale ancora più mortale” rispetto al Covid che ha spaventato il mondo negli ultimi anni. Aggiungendo: “Quando arriverà la prossima pandemia, che avverrà, dobbiamo essere pronti a rispondere in modo deciso, collettivo ed equo”. Parole che hanno spaventato non pochi gli utenti di tutto il mondo, memori di quanto accaduto negli ultimi anni. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> È tornato Bill Gates e vuole produrre “più vaccini”: il mostruoso conflitto d’interessi con l’Oms

oms nuova pandemia

L‘Oms da un lato ha cercato di non generare allarmismi, invitando alla calma, dall’altro ha dato per scontato che “arriveranno «​nuovi agenti patogeni e nuove pandemie”, esortando perciò i leader mondiali a elaborare una strategia contro queste sfide. Per poi ricordare come la pandemia “ha avuto un costo elevato anche per la salute mentale”. (Continua a leggere dopo la foto)

“Molti dei nostri stessi dipendenti – ha chiarito l’Oms – come molti operatori sanitari di tutto il mondo, hanno sperimentato un forte stress ed esaurimento, perché la pandemia ci ha presentato sfide senza precedenti”. L’Organizzazione ha anche messo in guardia dalle possibilità che nuove varianti del Covid possano provocare altre malattie e morti nei prossimi mesi. (Continua a leggere dopo la foto)

Uno scenario tutt’altro che tranquillizzante, insomma. Dietro il quale più di qualche utente ha visto i presupposti per nuove strette in arrivo sulle libertà dei cittadini: “Non è che col pretesto di altre minacce all’orizzonte si preparano a rinchiuderci in casa un’altra volta?”. Domande che sorgono spontanee, considerando quanto i diritti invididuali siano stati calpestati nel recente passato.

Ti potrebbe interessare anche: “L’incubo non è finito!” Borgonovo asfalta l’Oms: “Ora vogliamo giustizia”