in

Banca Carige, spuntano quei 695 milioni depositati (e poi prelevati) dalla Cei

695 milioni della Cei, la Conferenza Episcopale Italiana, prima depositati e poi ritirati nell’istituto Banca Carige tra il 2017 e il 2018. Soldi, parecchi, che finiscono nelle casse della banca tutti insieme e poi ne escono prelevati in tranches da dieci, venti, cento milioni. A raccontare l’operazione è Ferruccio Sansa sulle pagine de Il Fatto Quotidiano, ricostruendo i movimenti di quella somma sulla quale oggi indagano gli investigatori.

“Il 5 luglio 2017 la Cei deposita cento milioni. Il 22 novembre vengono ritirati i primi 28. Nelle settimane successive altri 26 milioni, poi 28, ancora 26 e infine 18. Il saldo torna a zero”. Altri due versamenti sarebbero poi arrivati nel 2018, uno da 112 milioni (10 gennaio) poi nuovamente recuperato in tranches e un altro, la fetta più grossa, il 28 giugno 2018: 483 milioni.

Una vera e propria boccata d’ossigeno per Carige, che si trovava a vivere un periodo complicato segnato da un’emorragia di depositi. Anche in questo caso, poche settimane dopo il versamento di quasi mezzo miliardo, cominciano i prelievi: appena un mese dopo se ne vanno 350 milioni. A dicembre rimangono cento milioni. Resteranno fino al 28 dicembre, uno dei passaggi chiave nella storia dell’istituto: pochi giorni prima, infatti, la famiglia Malacalza (socio di maggioranza) aveva votato contro l’ennesimo aumento di capitale. Le azioni crollavano e si parlava di una fuga di depositi. Il 2 gennaio 2019 sarebbe poi arrivato il commissariamento.

Una veduta esterna della sede di Banca Carige, Genova, 08 gennaio 2019. ANSA/LUCA ZENNARO

Cei sostiene che il denaro depositato e poi ritirato sia frutto dell’8 per mille e che dietro spostamenti così rapidi non ci sia alcun mistero: “Non sono operazioni finanziarie. Ci appoggiamo a una banca per un breve periodo in attesa di utilizzare il denaro sul campo. Ovviamente le date dei depositi e dei prelievi non vanno messe in relazione con le vicende societarie della banca, che non ci riguardano. Noi riceviamo i denari dallo Stato a giugno”. Carige sarebbe stata scelta perché offriva un tasso dell’1,5% circa.

Ti potrebbe interessare anche: https://www.ilparagone.it/banche-mercati/lo-scandalo-riciclaggio-delle-banche-del-nord-europa/

Halloween, la festa che fa paura all’ambiente: boom di plastica per i costumi (ma chi li indossa non lo sa)

Matrimonio Fca-Peugeot, cosa comporta la fusione tra i due colossi dell’automobilismo