Vai al contenuto

“Violata la dignità del defunto”. Morì durante la pandemia, la famiglia chiede i danni alla Asl: il caso

Pubblicato il 27/07/2023 11:13 - Aggiornato il 27/07/2023 12:32

“Violazione del dovere di pietà verso i defunti“. Questa la motivazione dietro la richiestra di risarcimento del danno da 5.000 euro presentata alla Asl di Frosinone dai parenti di un uomo deceduto nel 2020, quando l’Italia era ancora nel pieno dell’incubo Covid. Un caso che sta facendo discutere e che potrebbe aprire la strada ad altre iniziative del genere nel corso dei prossimi mesi, ora che anche la percezione della pandemia è definitivamente cambiata e che stanno emergendo, pian piano, verità fin qui tenute volontariamente lontane dalla narrazione mainstream. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Squadrismo contro gli intellettuali”. Saviano ancora all’attacco del governo: “E Giorgia Meloni…”
>>> “Ritirati!”. Biden, gaffe clamorosa sui morti del Covid: la frase choc (VIDEO)

Come raccontato dal Messaggero, l’uomo era morto nell’ottobre 2020 dopo essere stato trasportato dal 118 al pronto soccorso dell’ospedale “Santa Scolastica” di Sora a causa di una “insufficienza respiratoria in broncopneumatia cronico ostruttiva”. Sintomi che avevano fatto pensare al Covid, anche se successivi esame avrebbero poi escluso la positività. (Continua a leggere dopo la foto)

“Violata la dignità del defunto”. Morì durante la pandemia, la famiglia chiede i danni

A causa delle procedure all’epoca molto stringenti, non era stato possibile esporre il corpo nelle sale mortuarie, né dare la possibilità ai familiari di un saluto prima delle operazioni di chiusura della bara. Passaggio che i familiari oggi contestano, al punto da voler essere risarciti perché ritengono violata la dignità del defunto. (Continua a leggere dopo la foto)

violata dignità defunto pandemia

Secondo i familiari del defunto, medici e infermieri avrebber potuto seguire procedure diverse. Di fronte alla richiesta di risarcimento “per responsabilità extracontrattuale”, con causa davanti al giudice di pace. Il quale ha proposto un accordo: la Asl dovrebbe pagare 800 euro, mentre ciascuno pagherebbe le proprie spese di lite. La prossima udienza è fissata al 10 ottobre, ma entro il 19 settembre le parti potranno aderire o meno alla proposta.

Ti potrebbe interessare anche: “Resti biologici non umani”. Ufo, choc al Congresso Usa: la rivelazione dell’ex Intelligence. “Ora la verità”