in

“No al Mes? Così Conte fa un danno agli italiani”. Renzi infuriato: lo vuole a tutti i costi

Pubblicato il 19/10/2020 14:53

Toglietemi tutto, ma non il mio Mes. Facendo il verso a un noto spot pubblicitario, si potrebbe riassumere così la reazione di Matteo Renzi alle parole del premier Conte sul Mes. Secondo il leader di Italia Viva, infatti, “dicendo No al Mes Giuseppe Conte fa felici Meloni e Salvini ma delude centinaia di sindaci e larga parte della sua maggioranza”. E aggiunge Renzi su Twitter: “Il tempo dimostrerà come questa decisione sia un grave errore politico e soprattutto un danno per gli italiani”.

Nicola Zingaretti, invece, non ha appoggiato espressamente la posizione di Renzi ma ha fatto anche capire di non condividere la linea di Conte: “Non si può liquidare il tema con una battuta alla stampa. Il Mes va discusso in Parlamento”. Durante la conferenza stampa di ieri in cui ha illustrato le nuove misure del dpcm anti-Covid, il premier, rispondendo alle domande dei giornalisti, ha dichiarato: “Senza pregiudizi ideologici ho spiegato che, se avessimo avuto bisogno per un fabbisogno di cassa, ci sarebbe stato anche il Mes. Ma se questo non accade prendere il Mes per risolvere un dibattito pubblico non serve”.

Conte ha anche aggiunto, confermando quello che anche noi dicevamo da mesi mentre il governo faceva campagna disinformativa proprio sul Meccanismo: “Il Mes non è una panacea. I soldi del Mes sono prestiti, non possono finanziare spese aggiuntive, si possono coprire spese già fatte in cambio di un risparmio d’interessi. Il meccanismo europeo va a incrementare il debito e quindi va coperto” e si renderebbero quindi necessarie “nuove tasse o tagli di spese” e che di conseguenza il risparmio sarebbe “molto contenuto”. Mettiamolo agli atti, finalmente anche Conte ha confessato cosa è davvero il tanto osannato Mes.

Unica voce fuori dal coro del No al Mes nel centrodestra è Forza Italia che prende le distanza da Fratelli d’Italia e Lega. “Il ragionamento di Conte è totalmente assurdo, ma anche contraddittorio, perché le risorse del Mes servirebbero a rafforzare la sanità e darebbero un sostegno importante anche alla ripresa economica, i due obiettivi che il premier ha detto agli italiani di voler perseguire”, puntualizza la presidente dei senatori azzurri Anna Maria Bernini.

Ti potrebbe interessare anche: Coronavirus, Conte vuole un’altra stretta: Immuni potrebbe diventare obbligatoria

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

I sondaggi bocciano Conte: il suo è il governo “della confusione”

Rivolta dei sindaci contro Conte: “Fa lo scaricabarile su di noi. Non andremo più alle riunioni”