Vai al contenuto

Paragone tuona: “Di Maio è un leader deperito. Hanno distrutto il Movimento”

Pubblicato il 20/12/2019 10:01

Riprendiamo questa mattina l’intervista che Goffredo De Marchis ha fatto al senatore Gianluigi Paragone e pubblicata su Repubblica. “Mia moglie dice che non so organizzare neanche una gita. Figuriamoci se posso gestire un gruppo parlamentare. Sono un cane sciolto. All’opposizione, che è uno spazio metapolitico, posso stare anche da solo. Ma ho un mio pensiero. Se qualcuno me lo chiede sono pronto a prestarglielo”. La battaglia di Gianluigi Paragone, il ribelle possibile frontman di una pattuglia di dissidenti del Movimento 5 stelle, non finisce qui. Anche se verrà espulso. “Gli espulsi dovrebbero essere altri. I tre che hanno firmato il referendum contro il taglio dei parlamentari per esempio. Una bandiera del Movimento”. Lo scontento nel gruppo M5S al Senato è certificato. Immaginare che possa trasformarsi in gruppo è tutt’altro che lunare.

“Sono sotto processo per non aver votato la fiducia. Anzi, sotto processino come lo chiamo io, fatto dagli uomini grigi di Momo, il romanzo di Ende in cui alla bambina vogliono togliere i colori e il tempo. E dovrei capeggiare una pattuglia di dieci persone per fare da stampella al governo? Mi sembra assurdo”. La stampella però decide quando salutare la compagnia. “Io non li vedo dieci senatori pronti a far cadere Conte al mio segnale. Lasciatemi nella mia posizione che secondo i capi è minoritaria, stupida e immatura. Questo dentro il Palazzo. Ma fuori? Una roba verde non puoi dire che è giallo marcio. Noi avevamo scritto nel programma che si poteva anche recedere dall’Euro e oggi facciamo i reggicoda di Bruxelles”.

Di Maio ha venduto l’anima per la poltrona? “Il governo è diventato più importante del Movimento. Ma attenzione: così non reggerà a lungo. C’entra forse che fra coloro che non restituiscono parte dello stipendio ci sono anche ministri, vice e sottosegretari? Loro non li deferiamo ai probiviri? La verità è che stanno distruggendo il Movimento. Di Maio non ha più il peso politico di un anno fa. Il ragazzo è deperito, questo è evidente”. Quindi comandano Grillo e Conte. “Grillo è un leader vero. Non ha bisogno della divisa per essere un generale. E trasferisce la sua leadership su Di Maio continuando a ripetere: il capo è lui. Ma questa conferma insistita dimostra che c’è un problema. È l’Abc del potere“. Grillo ha deciso di stare nel governo, di sostenerlo. Che si fa contro di lui?

“Se cambi il Dna del Movimento devi convincere gli attivisti, non i parlamentari che ti bastano 10 minuti, è una cosa di Palazzo. Ti devi caricare il Movimento sulle spalle, girare l’Italia, andare nelle piazze e dire: siamo cresciuti, non siamo più quelli di una volta. Noi eravamo il simbolo del cambiamento e non lo fai da un giorno all’altro. Sappiamo di non avere una classe dirigente all’altezza ma allora mi chiedo: perché dobbiamo consegnare al solo Salvini la critica all’austerity contenuta nel manifesto dei 32 professori universitari?”. I nomi citati uno per uno dal leader del Carroccio al Senato. Il sospetto che lei sia filo-Lega cresce.

“Quell’appello non doveva finire nella buca delle lettere di Salvini. Era destinato alla casella postale del governo. Lo hanno scritto accademici della Sapienza e di altre grandi università. Sono pericolosi no-euro anche loro? No. Vogliono solo ricordarci che l’Eurozona ha la peggiore performance economica del mondo. Che se non riparte l’inflazione non vai da nessuna parte. Se buttano fuori Gualtieri e ci mettono uno di quei professori voto la fiducia domani”. Sembra proprio destinato a riabbracciare la Lega. “Sono schizofrenici anche loro. Alcuni sono liberisti altri keynesiani. Criticano il Mes e poi candidano Draghi al Quirinale”.

Conclude Paragone: “La Bce non ha i poteri della Federal Reserve o della banca centrale giapponese. Non è con Draghi che trovo soddisfazione nel mio desiderio di cambiare Bruxelles. Io non lo voterei al Colle nemmeno sotto tortura. Auguri ai leghisti”. Alessandro Di Battista sta dalla sua parte? “Con Ale siamo amici. Ma non lo butto dentro un dibattito che si è inacidito”. Su Bankitalia però il M5S continua la sua campagna. “La legge per escludere i pregiudicati dai cda delle banche aspetta solo i decreti attuativi. Nel Mef ci sono”.

Questa intervista a Gianluigi Paragone è stata pubblicata su Repubblica del 20 dicembre 2019.

.

Ti potrebbe interessare anche: Dal “taglia poltrone” al “salva poltrone” è un attimo: chi guida la fronda degli incollati