Vai al contenuto

“Pronto alle dimissioni”. La clamorosa ammissione di Papa Francesco: quando potrebbe lasciare

Pubblicato il 10/03/2023 10:18

Papa Francesco potrebbe davvero dimettersi, sulla falsariga di quanto fatto dal suo predecessore Benedetto XVI? Una domanda che i fedeli di tutto il mondo si pongono da tempo, visto il susseguirsi per nulla rassicurante di notizie sulle condizioni di salute del pontefice. E alla quale ha voluto rispondere il diretto interessato, che in un’intervista rilasciata al giornalista Paolo Rodari per Rsi, la televisione svizzera italiana, ha voluto fare il punto sulle proprie condizioni e sulla possibilità di un clamoroso passo indietro. Ammettendo che sì, l’ipotesi non è del tutto remota, purché si verifichino però determinate condizioni. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Papa Francesco ha scelto il suo successore”. Ecco chi potrebbe essere il nuovo pontefice: l’indiscrezione
>>> “Morto un Papa emerito…” L’indiscrezione bomba su Papa Francesco: stava aspettando il momento giusto

Francesco ha ammesso di essere pronto a dare le dimissioni qualora dovesse accorgersi di non essere più lucido, se dovesse avvertire “una stanchezza che non ti fa vedere chiaramente le cose. La mancanza di chiarezza, di sapere valutare le situazioni”. (Continua a leggere dopo la foto)

papa francesco dimissioni quando

“Cosa può portarmi alle dimissioni? Anche il problema fisico, può darsi. Su questo domando sempre e seguo i consigli. Come vanno le cose? Ti sembra che devo… chiedo alle persone che mi conoscono, anche ad alcuni cardinali intelligenti. E mi dicono la verità: continua va bene. Ma per favore: gridate a tempo – ha spiegato Francesco – Sono vecchio. Ho meno resistenza fisica, quella del ginocchio è stata un’umiliazione fisica, anche se adesso sta guarendo bene”. (Continua a leggere dopo la foto)

Francesco ha ammesso di essersi “vergognato un po’” ad andare in carrozzina. Poi è tornato sul tema della guerra in Ucraina: “È già una guerra mondiale, cominciata a pezzetti e adesso nessuno può dire che non è mondiale. Perché le grandi potenze sono tutte invischiate. E il campo di battaglia è l’Ucraina. Lì lottano tutti”.

Ti potrebbe interessare anche: Bergoglio si prende il conclave: nominati 13 cardinali che rafforzano il “suo” partito