in

La denuncia dello chef: “Regole anti-Covid? Si può usare il bagno solo per gravi urgenze”

Anche andare in bagno, in tempi come questi, rischia di diventare un problema, che ci crediate o no. Colpa di normative pensate per contrastare il Covid e che in realtà non stanno facendo altro che generare confusione nei clienti e in quei ristoratori che speravano finalmente di tornare a lavorare anche a cena, limitati invece dal coprifuoco fissato ancora per le 22. E costretti ora a interpretare anche regolamenti che sembrano pensati, più che altro, per complicare ulteriormente la vita a chi avrebbe bisogno soltanto di un po’ di normalità.

La denuncia dello chef: "Regole anti-Covid? Si può usare il bagno solo per gravi urgenze"

Tra le denunce arrivate in questi giorni, a colpire è quella fatta alle pagine di Napoli Today da Enrico Schettino, titolare della catena Giappo che ha da poco inaugurato un nuovo locale nel quartiere Chiaia. E che ha puntato il dito contro le nuove regole dettate per l’utilizzo dei servizi igienici: “Sei seduto al ristorante e vuoi andare alla toilette? Non puoi andarci, salvo grosse esigenze di urgenza. Questa la nuova normativa per i ristoranti”.

Le assurdità del protocollo anti-Covid: "In bagno al ristorante? Solo in caso di grave urgenza"

Tutta colpa del nuovo protocollo Covid pensato per evitare l’affollamento nei luoghi chiusi, corredato da tanto di faq che specifica: “L’uso dei servizi igienici posti all’interno dei bar e dei ristoranti non può essere consentito, salvo casi di assoluta necessità”. Un passaggio quasi comico, non fosse altro che la cosa è in realtà maledettamente seria. E che dovrebbe spingere i ristoratori a inquietanti indagini sulla portata dell’urgenza del cliente che chiede di poter usufruire della toilette.

Non sono mancate, ovviamente, le polemiche, con lo stesso Schettino a denunciare l’evidente disparità di trattamento rispetto ad altri settori: “In aereo e in treno oltre a star seduto accanto ad uno sconosciuto, vado liberamente in bagno. Perché al ristorante no. Se piove improvvisamente non è consentito far spostare all’interno: quindi chi ha ordinato e sta mangiando va via senza pagare? Il personale lo paghiamo mensilmente, non in base alle previsione del meteo”.

Ti potrebbe interessare anche: In Italia si devono aspettare 14 anni per una sentenza di violenza sessuale: Bonafede ci sei?

Cecchi Paone: “Sono un massone. Ecco qual è il mio grado e cosa posso fare”

L’allarme del Garante: “Così il pass vaccinale mette a rischio la privacy degli italiani”