Vai al contenuto

Più vaccinati, ma con più decessi! Alla fine arriva lo schiaffo in faccia a Speranza & Co. Le cifre (scandalose)

Pubblicato il 20/09/2023 21:23 - Aggiornato il 21/09/2023 10:42

Dal 2020, guarda caso dal 2020, il nostro Paese registra un picco di decessi anomalo, abnorme persino rispetto alla media degli altri Stati dell’Unione europea. I nostri lettori sanno bene che, pressappoco a partire dal biennio 2020-2021, vi è stato un considerevole aumento di quelli che definiamo malori improvvisi (per lo più in persone giovani e altresì sanissime). Il paradosso è che l’Italia è al contempo il Paese più vaccinato e con più morti in Europa, a partire dal 2020 al 2023: dunque, in piena emergenza sanitaria da Covid-19. Anzitutto precisiamo che è dal 2021 che l’Istat non fornisce statistiche con i dati delle morti degli ultimi 10 anni, per poter fare una comparazione, ma la verità trova sempre uno spiraglio attraverso il quale palesarsi, sicché occorre semplicemente consultare il portale Our World in Data, nel quale l’epidemiologo Stefano Petti, che ha poi schematizzato i dati raccolti, integrandoli in quattro grafici. Si evince facilmente che i decessi hanno superato quelli normalmente attesi del 10.58%: “E non è poco – nelle parole dello stesso Stefano Petti – soprattutto è tanto di più rispetto alle altre nazioni”. Chiunque può verificare da sé su Our World in Data: i Paesi si scelgono cliccando sulla finestra blu in alto, mentre i periodi da osservare si determinano cliccando sulla striscia blu in basso. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “La mia vita distrutta dal vaccino”. Raffaella Regoli in piazza con i danneggiati: “Lo Stato ci ignora” (VIDEO)
>>>  Filmò un uomo in fiamme a Roma, la pesantissima accusa contro l’autore del video: cosa rischia

paese più vaccinato più decessi

Il triste primato

Come leggiamo su Il Giornale d’Italia, il “primato” italiano non si riferisce alla sola mortalità in genere, ma anche la mortalità attribuita al Covid-19 nel nostro Paese è fra le più alte: 3.200 decessi per ogni milione di casi dal 2020. Solo il Regno Unito ci batte in questa tristissima graduatoria, e siamo comunque al di sopra della media europea: 2.762 cittadini comunitari deceduti per il Covid per ogni milione di morti. Il sistema sanitario nazionale, un tempo un vanto del nostro Paese ma oggi allo sfascio, ha conosciuto una vera involuzione e l’epidemiologo enuclea le principali criticità: interi reparti chiusi, prestazioni ambulatoriali sospese, e ancora: “I pazienti non avevano più diritto né a visite domiciliari né a essere ricevuti negli studi dei medici di base”. Come noto, chi ha provato ad approntare le terapie domiciliari è stato boicottato, deriso, sospeso, come Andrea Stramezzi, per citare solo il più noto. Sullo stesso sistema sanitario, gravato da anni e anni di tagli ad opera di tutti i governi che si sono succeduti, si è riversato anche l’ingente costo di una campagna vaccinale senza precedenti. E a proposito delle vaccinazioni a tappeto, ancora conversando con Il Giornale d’Italia, l’epidemiologo Stefano Petti non può non precisarne il fallimento. Parlano i numeri: quasi 250 vaccini ogni cento persone, nonché più richiami o “booster”, praticamente l’80% della popolazione. Buona parte di questo dato, ci sentiamo di aggiungere, è decisamente dovuto al vero e proprio ricatto, alle vessazioni e alle discriminazioni che, in nessun altro Paese come in Italia – Cina a parte –, sono stati attuati nei confronti dei cittadini, pensa l’esclusione dalla vita sociale. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “La mortalità cresce nei vaccinati”. La clamorosa intervista del dottor Donzelli: le possibili cause

paese più vaccinato più decessi

L’esempio della Corea del Sud

Infine, soltanto ieri scrivevamo di una analoga situazione in Corea del Sud: il 92% di tutti i decessi per Covid si è verificato dopo che il 90% della popolazione adulta era stata completamente vaccinata. Ebbene, il governo di Seul ha sancito che saranno risarciti i parenti delle persone decedute entro 90 giorni dalla vaccinazione contro il Covid-19 “anche se il nesso causale non può essere dimostrato”, al contempo innalzando l’entità dei risarcimenti stessi.

Potrebbe interessarti anche: “Green un corno!” Ecco la truffa che si nasconde dietro le etichette “ecologiche”