Vai al contenuto

“Atti di crudeltà e sadismo”: Furio Colombo, senza freni (e contegno) insulta Meloni (il VIDEO)

Pubblicato il 27/04/2023 20:57 - Aggiornato il 28/04/2023 12:31

È furioso Furio Colombo, e ce l’ha, ancora una volta, con Giorgia Meloni. Nella puntata odierna de L’aria che tira, che non smette di regalarci perle, ha perso davvero le staffe. Ma andiamo con ordine. Si parlava di immigrazione, a due mesi dalla tragedia di Cutro, quando restano solo “Dolore e domande”, come titolava la stessa trasmissione de La7. Ma da Furio Colombo non arrivano domande, solo pesantissimi strali. Come questo: “Una crudeltà spaventosa che ci dice molto anche del famoso urlo di Giorgia Meloni che ci raccontava di essere madre e cristiana, invece è capace di atti di cattiveria e sadismo“. L’ultranovantenne Colombo, questo curioso caso di intellettuale comunista ed ex direttore de L’Unità, ma pure top manager in America per la Fiat di Gianni Agnelli, ha parlato di “una cattiveria, un sadismo che altri non hanno”. Premettendo che le regole in Italia sono del tutto “arbitrarie”, e sin qui siamo tutti d’accordo, conclude il ragionamento citando la “regola” del recente Decreto Cutro, interpretandola così, e banalizzando un po’: la regola di “Far navigare disperatamente delle persone, salvate quasi per miracolo dal mare, in un punto drammatico dove si verificano questo tipo di salvataggi”. Dopo di che “Questa gente, tolta dall’acqua gelata, viene presa a bordo da navi di soccorso e di salvataggio e si impone a quelle navi di fare 1.500 miglia marine prima di poter trovare un porto sicuro”. Ci sono grossi problemi di ordine sociale che Furio Colombo decide di ignorare, e c’è il resto d’Europa che non accoglie. (Continua a leggere dopo il VIDEO)
>>> “Appesa!” Le immagini choc di Fuori dal Coro al corte del 25 aprile: l’orrore fra i militanti di sinistra (VIDEO)
>>> “Se rivendicassero il diritto alla sharìa?” Immigrazione, la famosa storica asfalta la sinistra

Eppure: “Quelli che non accolgono sono crudeli e barbari”, però quelli che accolgono “Possono avere un governo come quello di Giorgia Meloni e Piantedosi”, che, prosegue Colombo, argomentando in base a ragioni evidentemente ideologiche, impongono migliaia di miglia di navigazione a “persone appena salvate dalla morte e prive di soccorso medico e di nutrimento”. Non è certo la prima volta che Colombo si scaglia in maniera decisamente scomposta contro la presidente del Consiglio, e lo fa spesso proprio nei collegamenti con L’aria che tira. Lo scorso 16 novembre aveva tirato in mezzo pure la figlia della Meloni, quando la premier ha partecipato al G20 di Bali, portandola con sé: “A certi bambini spetta la top class per Bali, ad altri bambini spetta il fondo del mare”. Anche la conduttrice, Myrta Merlino, dovette riprenderlo. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Il primo stato musulmano d’Europa è realtà” Bomba demografica pronta a esplodere, l’inchiesta

furio colombo insulta meloni

Oppure, prima ancora, il 17 ottobre attribuiva a Giorgia Meloni una “Testolina piccola e visione modesta”. Appena lo scorso 29 marzo, infine, si era spinto a dire: “Parafascista, da brividi. Fa rabbrividire che una persona così ha in mano il destino dell’Italia”. Odio e livore, a dire il vero, li riscontriamo in tali esternazioni.

Potrebbe interessarti anche: Boom di sbarchi dalla rotta tunisina. Una bomba pronta a esplodere (ilparagone.it)