Vai al contenuto

“Appesa!” Le immagini choc di Fuori dal Coro al corte del 25 aprile: l’orrore fra i militanti di sinistra (VIDEO)

Pubblicato il 28/04/2023 12:30 - Aggiornato il 28/04/2023 12:33

“Se la Meloni viene qua, penso che non se ne va a casa poi”. “Lei non è benvenuta qui, né lei né La Russa”. Frasi catturate dalla manifestazione del 25 aprile a Milano, con le telecamere del programma Fuori dal Coro, condotto da Mario Giordano su Rete 4, che si sono avventurate tra la folla per capire il clima. “Questa non è la festa di tutti gli italiani, è la festa degli antifascisti”. E meno male che, a parole, quella della Liberazione dovrebbe essere un’occasione di riappacificazione. A erigere barriere invece, secondo la trasmissione, sarebbero gli stessi manifestanti, che non hanno risparmiato attacchi molto diretti al governo: “La Meloni come Mussolini? Assolutamente sì. Se venisse qua La Russa, verrebbe cioccato subito”. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Atti di crudeltà e sadismo”: Furio Colombo, senza freni (e contegno) insulta Meloni (il VIDEO)

A ribadire il concetto sono anche alcuni dei manifestanti più giovani, evidentemente già abituati a certe esternazioni forti. “Ragazzi, se vi dicessi Giorgia Meloni?” chiede a un certo punto la giornalista a un gruppetto. La risposta? “Appesa“, con chiaro riferimento alla morte di Benito Mussolini a Piazzale Loreto. (Continua a leggere dopo la foto)

Una festa, insomma, segnata dalle polemiche. Con le parti opposte che si ostinano a non fare passi avanti verso una riconciliazione. Fuori dal Coro ha intervistato il sindaco di Marzabotto Valentina Cuppi, primo cittadino di una città simbolo dell’antifascismo e che si è schierata contro la presenza delle autorità: “Chi non crede che l’antifascismo sia un valore di tutti quanti non può essere chi parla da questo palco”. (Continua a leggere dopo la foto)

La manifestazione principale, come ogni anno, è stata quella di Milano. Dove prima di partire gli animi, secondo Fuori Dal Coro, erano già caldi: “Mai sentito che i fascisti vengono al 25 aprile, li cacciamo a pedate nel culo”. E ancora: “Questa è la festa dell’antifascismo, noi dobbiamo difenderci dagli attacchi che puntano verso quell’ideologia lì. Per esempio, quelli di questo governo”.

Ti potrebbe interessare anche: “Sono nazisti!” La scrittrice Bompiani a ruota libera: parole choc a L’Aria che Tira (VIDEO)