Vai al contenuto

“Ora basta!”. Trans e Lgbt, l’attacco di Elon Musk. Cosa succede a Twitter: “Dovete vederlo tutti”

Pubblicato il 06/06/2023 12:50
Elon Musk Twitter Lgbt

Elon Musk ancora protagonista del dibattito. Non nel campo tecnologico, ma in quello politico. Sempre più attivo e presente, il proprietario di Twitter si sta di giorno in giorno schierando sempre più sul fronte repubblicano. Se con la sua Tesla qualche giorno fa si è reso protagonista per aver lanciato l’ultimo modello di robot che – a detta sua – rivoluzionerà il mondo del lavoro (c’è da capire se in meglio o in peggio), adesso torna alla ribalta per un documentario contro il cambio di sesso e le politiche Lgbt. Insomma, un altro modo per dire chiaramente da che parte vuole stare in vista delle prossime elezioni. Il documentario in questione si intitola “What is a Woman” (Cosa è una donna), è diretto da Matt Walsh, e denuncia l’abuso da parte della sinistra delle politiche a sostegno dei transgender e della comunità Lgbt. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Odia l’umanità”. Elon Musk distrugge Soros: il durissimo attacco al “filantropo”. Cosa ha detto (e perché)
>>> “Mia figlia trans, ecco di chi è la colpa”. Elon Musk inedito: la rivelazione che terremota gli Usa

Ma cosa c’entra Elon Musk in tutto questo? Come racconta Repubblica, il documentario doveva essere rilanciato il primo giugno su Twitter, ma poco dopo i responsabili della sicurezza sulla piattaforma ne hanno limitato la visione, aggiungendo un tag che lo descriveva come “hateful conduct” perché promuoveva il “misgendering”, ossia la pratica di rifiutare o denigrare le persone per il modo in cui si identificano come genere. A quel punto è intervenuto direttamente Elon Musk, dicendo che si era trattato di un errore, poi ha rilanciato il tweet del documentario e ha incoraggiato “ogni genitore a guardarlo”. Apriti cielo. La comunità Lgbt è insorta. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Sorpresa Kennedy!” Trema Biden, il candidato Usa no Green pass ribalta ogni previsione (I SONDAGGI)

Ha scritto Elon Musk a corredo delle polemiche con la comunità Lgbt: “Perché gli adulti consenzienti dovrebbero poter fare qualsiasi cosa li renda felici, purché non facciano del male agli altri, ma un bambino non è capace del consenso, che è il motivo per cui abbiamo leggi per proteggere i minorenni“. Musk è proprietario di Tesla, Space X, Neuralink, Starlink e ora anche di Twitter, ed è l’uomo più ricco al mondo. Ha riaperto Twitter a Trump e, con questa nuova uscita, sembra voler far capire verso quale parte deve pendere l’ago della bilancia. E questo al Sistema rode da morire. A maggior ragione perché sta dando visibilità e spazio a Robert Kennedy, candidato dem, certo, ma frontman delle proteste contro il vaccino Covid e delle battaglie per la verità.

Ti potrebbe interessare anche: “Arriva la tempesta immobiliare”. Dall’Europa arriva la minaccia per le nostre case. Cosa c’è da sapere