Vai al contenuto

Cibi con insetti, come riconoscerli. Cosa guardare sull’etichetta: attenzione a questi dettagli

Pubblicato il 03/02/2023 16:59 - Aggiornato il 22/02/2023 14:36

Le élite del pianete hanno deciso da tempo: le nostre abitudini a tavola devono cambiare, a favore di prodotti più “Green“. Gli stessi signori che hanno sfilato recentemente a Davos con elicotteri e auto blu dal motore sempre acceso, forse dimenticando per qualche ora quanto importante sia la lotta all’inquinamento, ora ci indicano la strada da seguire. Nello specifico, addio a prodotti storici del made in Italy e via libera agli insetti, eletti a “cibo del futuro”. Con tanto di prime iniziative in questo senso già avviate anche nel nostro territorio. La domanda che molti consumatori si stanno facendo a tal proposito è la seguente: come si fa a riconoscere (e magari evitare) prodotti derivati dagli insetti? Non c’è il rischio di mangarli a propria insaputa? Ecco, allora, un piccolo approfondimento per fare chiarezza. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Cracker a base di grilli, nasce la startup che porta gli insetti sulle tavole italiane: come e quando arriveranno
>>> “Arrivano in Italia i cracker con il 15% di farina di insetti”. Quale marca li produce e come riconoscerli

cibi insetti come riconoscerli

L’Unione Europea ha autorizzato per la prima volta la vendita di farine e altri derivati dal grillo domestico, con i supermercati europei che rischiano, quindi, di essere presto invasi da questi prodotti. Cibi che al momento rappresentano soltanto una piccola nicchia, ma che gli esperti vorrebbero fossero sempre più presenti sulle nostre tavole. Meglio, quindi, imparare a distinguerli correttamente. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> “Possono essere tossici”. Insetti e farina di grillo, cosa ci nascondono e perché non sono fatti per gli esseri umani

Cibi a base di insetti: come riconoscerli

Secondo le attuali regole comunitarie, l’eventuale utilizzo di insetti negli alimenti dovrà essere sempre segnalato in etichetta, come avviene per tutto il resto degli ingredienti. Con un po’ di attenzione, dunque, si potrà evitare l’acquisto di simili prodotti, se non graditi. Occhio, però: i prodotti che utilizzano grilli non lo scriveranno in maniera esplicita, ma si limiteranno a indicare il nome scientifico dell’animale, ovvero “Acheta domesticus“. (Continua a leggere dopo la foto)

Qualora leggiate questo nome in etichetta, dunque, sappiate che l’alimento è stato ottenuto da farina di grillo. Discorso analogo per gli alimenti derivati dalle larve del verme giallo della farina: il nome che sarà segnalato è “Tenebrio Molitor“, oppure la larva del verme della farina minore individuato con “Alphitobius diaperinus“. Non è detto, comunque, che sulla confezione non possano esserci altri riferimenti visibili. Onde evitare sorprese, però, meglio fare attenzione.

Sul tema è intervenuta di recente proprio Confagricoltura, sostenedo che la questione del cibo italiano, che rischia di venire penalizzato dalle nuove politiche comunitarie, andrebbe “affrontata con buonsenso. La cucina tricolore è un modello anche sostenibile con effetti positivi sotto l’aspetto ambientale e quello economico. La dieta mediterranea, oltre ad essere sana, contrasta anche il rischio di insorgenza di patologie croniche come diabete, ipertensione arteriosa e obesità”.

Ti potrebbe interessare anche: “Hamburger vietati in nome del clima”. Così le élite ci costringono a mangiare quello che dicono loro