Vai al contenuto

“Booster e tumori: cosa ho scoperto”. La lettera choc del super oncologo che spaventa il mondo

Pubblicato il 03/01/2023 15:47 - Aggiornato il 19/01/2023 11:09

Pubblichiamo una lettera del Dr. Angus Dalgleish, Professore di Oncologia alla St George’s University di Londra, rivolta al Dottor Kamran Abbasi, capo redattore del prestigioso British Medical Journal. La lettera è stata scritta a sostegno dell’appello di un collega al dottor Abbasi affinché il BMJ faccia del consenso informato valido per la vaccinazione contro il Covid un argomento prioritario. Angus George Dalgleish, 72 anni è molto conosciuto per i suoi contributi alla ricerca sull’HIV/AIDS ed è uno dei medici più ricercati di Londra. Il Dr. Dalgleish è inoltre co-scopritore del recettore CD4 come principale recettore cellulare per l’HIV. Angus è anche un ricercatore di vaccini e ha fondato un’azienda biotecnologica che sviluppa vaccini contro il cancro. Ecco la sua lettera che è, potenzialmente, l’ennesima bomba contro i vaccini anti-Covid, mettendoli in relazione con l’aumento di tumori. (Continua a leggere dopo la foto)

Caro Kamran Abbasi, il Covid non ha più bisogno di un programma di vaccinazione dato che l’età media della morte di Covid nel Regno Unito è di 82 anni e per tutte le altre cause è di 81 anni e in calo. Il legame con coaguli, miocardite, infarti e ictus è ormai ben accettato, così come il legame con mielite e neuropatia. (Abbiamo previsto questi effetti collaterali nel nostro articolo QRBD del giugno 2020 Sorensen et al. 2020, poiché l’analisi dell’esplosione ha rivelato il 79% di omologie con epitopi umani, in particolare PF4 e mielina). Tuttavia, ora c’è un altro motivo per interrompere tutti i programmi di vaccinazione. Come oncologo praticante vedo persone con malattia stabile progredire rapidamente dopo essere state costrette ad avere un richiamo, di solito per poter viaggiare. Anche all’interno dei miei contatti personali vedo una malattia basata sulle cellule B dopo i richiami”. (Continua a leggere dopo la foto)

Scrive ancora: “Descrivono di essere stati distintamente malati pochi giorni o settimane dopo il richiamo: uno sviluppava la leucemia, due colleghi di lavoro linfoma non Hodgkin e un vecchio amico che si sentiva come se avesse avuto il Long Covid da quando aveva ricevuto il richiamo e a cui, dopo aver avuto una grave malattia ossea, gli sono state diagnosticate metastasi multiple da una rara malattia delle cellule B. Ho abbastanza esperienza per sapere che questi non sono gli aneddoti casuali che molti suggeriscono, soprattutto perché lo stesso schema si sta osservando in Germania, Australia e Stati Uniti. I rapporti sulla soppressione immunitaria innata dopo l’mRNA per diverse settimane si adatterebbero, poiché tutti questi pazienti fino ad oggi hanno melanomi o tumori a base di cellule B, che sono molto suscettibili al controllo immunitario – e questo è prima dei rapporti sulla soppressione del gene soppressore da parte dell’mRNA in laboratorio esperimenti. Questo deve essere trasmesso e discusso immediatamente. Angus Dalgleish”.

Qualche giorno dopo, visto il clamore creatosi con la lettera, ha ribadito e ampliato il concetto QUI.

Ti potrebbe interessare anche: Attacco a Il Paragone! Ecco chi e perché vuole tappare la bocca all’informazione libera (IL VIDEO)