in

Rifiuta il vaccino e rinuncia a uno stipendio da 9 milioni di dollari: la scelta della star

Piuttosto che sottostare all’obbligo di vaccinazione, che impone nolenti o volenti di mettere da parte ogni dubbio sull’efficacia e la sicurezza dei farmaci anti-Covid, c’è chi è disposto anche a rinunciare a un lavoro profumatamente pagato. Parliamo del rapper e attore americano Ice Cube, all’anagrafe O’Shea Jackson Sr., che ha scelto di fare un passo indietro e lasciare il set del film “Oh Hell No” perché, per completare le riprese, avrebbe dovuto farsi iniettare la prima dose.

Rifiuta il vaccino e rinuncia a uno stipendio da 9 milioni di dollari: la scelta della star

Come riportato dall’Hollywood Reporter, Ice Cube ha scelto piuttosto di mollare tutto, rinunciando a un contratto che gli avrebbe portato in tasca la bellezza di 9 milioni di dollari. Successivamente, il rapper è intervenuto sulla vicenda chiarendo: “Ho preferito rimanere me stesso, con le mie idee e le mie convinzioni, piuttosto che uniformarmi soltanto per questioni di soldi”.

Nonostante la contrarietà ai vaccini, ancora circondati da tante incertezze come confermato da un acceso dibattito in corso nell’opinione pubblica americana, Ice Cube nelle scorse settimane aveva comunque dato il proprio sostegno nella lotta al Covid, lanciando appelli per il rispetto delle norme sul distanziamento nei luoghi al chiuso e sull’utilizzo di mascherine per limitare la circolazione del virus.

In occasione di alcune uscite pubbliche, Ice Cube si era lasciato immortalare con indosso delle t-shirt con la scritta “Check Yo Self Before You Wreck Yo Self”, che lo raffiguravano mentre indossava appunto una mascherina. Una scelta frutto della partnership con il produttore Black Out, progettata a beneficio dei lavoratori in prima linea nella lotta alla pandemia.

Ti potrebbe interessare anche: Vaccinato con doppia dose, muore di Covid il professor Reitani, ex assessore a Udine

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Lo scandalo denunciato dal sindacato della Polizia: tamponi gratis solo quando si tratta di difendere “i potenti”

Robert F. Kennedy Jr a Milano: il 13 novembre sarà in piazza per dire no al Green pass