in

“Urla e insulti”. La ragazza senza Green Pass racconta cosa è successo in aula

C’è chi combatte e non si arrende. Tra queste persone sicuramente rientra Silvia, una studentessa di filosofia dell’università di Bologna che in segno di protesta verso la misura scellerata del governo si è recata a lezione senza il Green Pass. (Continua dopo la foto)

Ma quello che doveva essere per Silvia un libero gesto di contestazione, si è presto tramutato in un brutto episodio fatto di “urla e insulti” ricevuti dai suoi compagni. L’annullamento della lezione, deciso dalla docente perchè la ragazza si è rifiutata di lasciare la classe in seguito all’invito rivoltole perchè sprovvista di Green Pass, ha provocato la rabbia dei suoi colleghi universitari che hanno scaricato su di lei la colpa. Alcuni dei quali l’hanno insultata fino a chiederle di rimborsare loro il biglietto del treno usato per raggiungere la facoltà.

La studentessa di Bologna si è poi recata in piazza dove ha raccontato la sua versione dei fatti, sottolineando il suo rifiuto verso la carta verde, «strumento di discriminazione»,  la “violenza spropositata dei suoi compagni” e l’indifferenza della professoressa che non solo non è intervenuta, ma ha annullato la lezione penalizzando tutti.

“Sarà comunque sciopero!” La risposta dei lavoratori portuali alla furbastra offerta della Lamorgese

Super Green pass, unici in Europa: l’allarmante differenza tra l’Italia e gli altri