in

Tutto pronto per l’arrivo della “terza dose”: prepariamoci a un’eterna vaccinazione

Pubblicato il 18/08/2021 09:28

Di ufficiale ancora non c’è nulla, nonostante giorni e giorni di accesi dibattiti. Eppure molte testate americane sono pronte a scommettere che, nel giro di pochissimo, l’amministrazione Biden annuncerà la necessità di una terza dose di vaccino per tutti i cittadini americani, così da contrastare l’indebolirsi dell’immunità e il diffondersi di varianti aggressive, come la famigerata Delta. Con tanto di tempistiche già precisate che andranno a scandire la nostra vita nel futuro prossimo.

Secondo il Washington Post, infatti, la terza somministrazione dovrebbe scattare otto mesi dopo la conclusione del ciclo di due dosi, con l’avvio del nuovo programma di contrasto al Covid-19 che dovrebbe essere fissato per la fine di settembre, in attesa dell’autorizzazione da parte della Food and Drug Administration, l’Agenzia del Farmaco a stelle e strisce. E con i governi europei già pronti a seguire l’esempio americano, con Mario Draghi e i suoi ministri ovviamente in primissima fila.

Non è un caso se dalle nostre parti il dibattito in merito è già iniziato da tempo. Nei giorni scorsi, per esempio, a dire la sua era stato l’immunologo Sergio Abrignani, membro del Cts: “Un richiamo potrebbe servire a dare un boost, un potenziamento della risposta immunitaria, a chi ha già chiuso il ciclo”. Con il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri che nel frattempo si augurava una terza dose “disponibile già in autunno per i soggetti più fragili”. La strada, insomma, è ben tracciata.

Il rischio, insomma, è che si vada incontro a un eterno ciclo vaccinale, con richiami che ci pioveranno sulla testa in continuazione, forse per sempre, in attesa di una soluzione definitiva al Covid-19 che non si sa quando e se arriverà. E con i vari politici pronti, nel frattempo, a vincolare ancora di più la libertà dei cittadini alla somministrazione dei farmaci, con quel ricatto istituzionalizzato chiamato Green pass che in questo senso farà da pesante precedente.

Ti potrebbe interessare anche: Sbarchi più che raddoppiati: il regalo di Ferragosto di Lamorgese agli italiani

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!

Il patto col diavolo del Pnrr

I vaccini spaventano anche i medici: sulle chat corrono dubbi e sospetti