in

“Si sente di escludere l’obbligo vaccinale?”. Giordano chiede, Meloni balbetta e… L’incredibile VIDEO

Pubblicato il 31/08/2022 09:10

Con l’arrivo dell’autunno e la possibilità che inizino a circolare nuove varianti, con annessa risalita della curva dei contagi, i cittadini italiani sanno benissimo cosa li aspetta. Le tanto odiate restrizioni sono pronte a fare nuovamente capolino, soffocando i diritti delle persone, in primis quel Green pass che è diventato col passare dei mesi il simbolo dell’accanimento dei governi Conte e Draghi sulle famiglie. Chiunque uscirà vincitore dalle elezioni del 25 settembre, la linea sembra già tracciata, con il partito Italexit di Gianluigi Paragone unico, vero oppositore di una nuova stretta. Letta da una parte e Meloni dall’altra sembrano invece di tutt’altra idea.

Sulla posizione del Pd in merito all’obbligo vaccinale c’è poco da discutere: i dem hanno scelto di ricandidare il ministro della Salute uscente Roberto Speranza, l’uomo che più di tutti incarna la stagione delle chiusure forzate e delle imposizioni, affiancato da virologi come Andrea Crisanti, sceso a una volta in campo al fianco di Enrico Letta. Dall’altra parte della barricata, anche Giorgia Meloni ha però mostrato di recente tutta la sua ambiguità in merito.

“Il centrodestra è stato accusato spesso di avere posizioni troppo morbide su questo argomento. Lei se la sente di escludere categoricamente il ritorno alle restrizioni del passato e all’obbligo vaccinale?”. Di fronte a questa domanda, posta da Mario Giordano durante il programma Controcorrente in onda su Rete 4, Meloni si è mostrata più che titubante, confermando i timori in merito alle sue reali intenzioni.

La leader di Fratelli d’Italia ha sottolineato alcuni errori commessi in passato, come la chiusura delle scuole che potevano rimanere aperte e gli orari ristretti imposti alle attività commerciali. In merito all’obbligo vaccinale, però, nemmeno una parola, neanche una singola rassicurazione agli italiani. Come in passato, Meloni non se l’è sentita di escludere una nuova stretta, con i cittadini costretti ancora a sottoporsi all’inoculazioni senza poter far valere la propria volontà. Confermando, così, tutti i timori in merito.

Ti potrebbe interessare anche: Pandemia a trasmissione sessuale. E per non restar “disoccupati”, ecco cosa s’inventano le virostar

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

“Ricoveri ridotti del 90%”. Dopo due anni di vaccini e persecuzioni ora si scopre che bastava un’aspirina. Lo studio

“La sorpresa sarà Paragone”. La suggestione di Crespi: “Pensate se facesse meglio di Calenda?”