in

Scozia, il fallimento del Green pass valido per locali notturni e concerti. Com’è finita

Pubblicato il 26/10/2021 14:33

Continuano a raccontarci, mentendo, che il Green pass sia l’unico strumento possibile per far fronte alla pandemia e che in tutti gli Stati ci sono regole simili. Falsi, falsissimi. Anzi: i pochi Paesi che si sono mossi in maniera simile all’Italia si sono trovati a fare i conti con forti tensioni e problemi a non finire. Come ad esempio la Scozia, che pure ha adottato uno schema molto meno rigido di quello italiano. E dove però i guai, non appena il certificato virtuale è stato introdotto, non sono mancati.

Al contrario del nostro Paese, dove il pass è diventato ormai obbligatorio addirittura per lavorare, in Scozia il certificato è necessario per entrare nei locali notturni, prendere parte a eventi al chiuso con oltre 500 persone e all’aperto in caso di presenza di oltre 4.000 persone. Proprio l’obbligo di esibirlo per accedere ai luoghi di divertimento serali si è però trasformato in un boomerang per il governo, costretto a fare i conti con proteste ed episodi di forte tensione in tutto il Paese.

Prima dell’adozione dell’obbligo, ai cittadini e agli esercenti erano stati dati 17 giorni di tempo per iniziare a convivere con le nuove regole, senza controlli. Poi sono iniziate le verifiche. Stando a quanto denunciato dallo Scottish Hospitality Group, un’associazione di categoria dei gestori di locali notturni, l’introduzione del passaporto vaccinale è stata un “disastro assoluto”: più di 550 persone si sono viste spedire indietro agli ingressi di pub e discoteche, e non sono mancate le aggressioni al personale addetto al controllo. Diversi esercenti hanno lamentato un calo del 40% dei clienti e danni economici ingenti.

“Avevamo avvertito il governo che il loro progetto sui passaporti vaccinali sarebbe stato un fallimento – si legge nel comunicato dell’associazione – ma hanno preferito andare avanti ugualmente senza offrire nessuna valida alternativa alle imprese. L’esperienza di questo fine settimana mostra che il risultato è stato disastroso: abbiamo riscontrato livelli intollerabili di abusi nei confronti del nostro personale e la creazione di un’atmosfera che minerà totalmente il divertimento di chiunque nei nostri locali notturni”.

Ti potrebbe interessare anche: “Non si può discutere né di guerra, né di identità sessuale…”

Sostieni il paragone.it, abbiamo bisogno del tuo aiuto: DONA

In tempi così difficili per l'editoria garantire un'informazione contro il sistema e volta a smascherare i magheggi delle elite è sempre più difficile. Parlare del vaccino e della campagna vaccinale da un'altra prospettiva è rischioso. Sostieni il duro lavoro che ogni giorno svolgiamo schierandoci contro quella logica che vede l'informazione passare addomesticata solo per i canali mainstream. Diventa anche tu sostenitore de ilparagone.it e difendi l'informazione libera!
-->

AstraZeneca, se Sileri sapeva perché non ha fermato gli Open Day? Lo scoop di Report

Grave sindrome neurologica dopo 15 giorni dalla prima dose. Il caso del giovane 18enne