in

Monte Bianco, il Ghiacciaio Planpincieux ora fa paura: scivola decine di centimetri al giorno

I radar stanno monitorando il ghiacciaio Plan Planpincieux e i dati che si ricavano sono davvero allarmanti. C’è uno spostamento della massa di alcune decine di centimetri al giorno. Lo ha riferito il responsabile del servizio geologico della Valle d’Aosta, Davide Bertolo. Si tratta di una tecnologia utilizzata già da una decina d’anni per il controllo di alcune frane che è in grado di percepire movimenti molto piccoli, anche di un decimo di millimetro, in qualsiasi condizione di visibilità.

Sarà in grado di allertare la centrale operativa dell’imminente crollo. I glaciologi hanno calcolato che la massa in bilico che potrebbe collassare a breve è di 250 mila metri cubi. Anche per questo da oggi il ghiacciaio del Planpincieux sarà controllato 24 ore su 24 e in qualsiasi condizione atmosferica.

Fino ad oggi il ghiacciaio era sorvegliato con fotocamere che fornivano una sequenza di immagini. Il sistema però non funzionava in caso di nebbia, di scarsa visibilità o di notte. “L’attenzione su questo ghiacciaio – ha spiegato il glaciologo Fabrizio Troilo – è attiva fin dal 2012. In questi ultimi tempi è aumentata notevolmente la velocità di spostamento e la dinamica del collasso è legata in gran parte alla quantità di acqua che si trova alla base del ghiacciaio”.

Oggi nella zona il cielo è nuvoloso e la temperatura si è abbassata. Condizione questa che se dovesse permanere e accentuarsi potrebbe provocare un rallentamento del cedimento del ghiacciaio. Il ministro Costa La situazione del ghiacciaio del Monte Bianco “la stiamo seguendo insieme alla regione ma l’elemento è simbolico; si tratta di un problema che riguarda i ghiacciai. C’è una situazione preoccupante dei ghiacciai che ci parla di un’emergenza climatica”.

Lo afferma il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa a margine della presentazione del rapporto Anci Conai. Sul Monte Bianco “è una questione di protezione civile se ci riferiamo alla vicenda del rischio di calamità naturale” conclude il ministro.

Sulla questione era intervenuto anche il presidente del consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, nel corso dell’Assemblea generale dell’Onu dove aveva espresso preoccupazione e necessità di adottare comportamenti diversi.

“La notizia del ghiacciaio sul versante italiano del Monte Bianco che rischia di collassare è un allarme che non può lasciarci indifferenti, deve mobilitarci tutti. Per questo continueremo a seguire e incoraggiare la mobilitazione dei cittadini e dei giovani, perché consapevoli dell’impatto sproporzionato che i cambiamenti climatici hanno sulle generazioni presenti e future”.

.

Ti potrebbe interessare anche: https://www.ilparagone.it/attualita/tav-ndrangheta-torino-lione/

Partite Iva nel mirino del governo: cosa cambia per oltre 2 milioni di forfettari

Il sondaggio che inguaia Renzi: ultimo nella classifica della fiducia degli italiani. E Italia Viva al 4%